menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più forti dopo il tumore al seno: la squadra mestrina di dragon boat ai mondiali di Mosca

Le atlete sono state accolte giovedì mattina nella sede del municipio di Mestre dalle istituzioni cittadine. Dal 6 al 12 settembre si metteranno alla prova nella competizione iridata

Mattinata in rosa al Municipio di Mestre: atlete e amministratrici si sono incontrate giovedì a testimonianza dell’opera di sensibilizzazione contro il tumore al seno sostenuta dall’amministrazione comunale di Venezia. L’occasione è stata l’imminente partenza della squadra femminile di dragon boat della Canottieri Mestre “Trifoglio rosa” per i campionati mondiali che si svolgeranno a Mosca dal 6 al 12 settembre.

La presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, la vicesindaco Luciana Colle, gli assessori al Turismo e ai Lavori pubblici, rispettivamente Paola Mar e Francesca Zaccariotto, il consigliere Debora Onisto, il consigliere delegato allo Sport, Paolino D’Anna, la responsabile del Centro Donna del Comune di Venezia, Gabriela Camozzi si sono seduti sui banchi del Consiglio a fianco delle atlete di “Trifoglio rosa” Manuela Pieretto, Valeria Paolin, Cristina Piroddi e Tiziana Zennaro, alla loro portavoce Daniela Galletta, alla presidente Lilt (Lega italiana lotta contro i tumori) Maria Grazia Cevolani.

“Per noi avete già vinto - ha esordito la presidente Damiano - perché dimostrate ogni giorno che il cancro si può vincere e che lo sport in questo è fondamentale”. Le donne in rosa del dragon boat infatti si sono avvicinate a questa disciplina dopo aver subito un’operazione al seno, e questo ha permesso loro di ritrovare coraggio, fiducia e il sostegno di altre donne accomunate dalla stessa malattia. “Siamo al vostro fianco in questa sfida - ha aggiunto la vicesindaco Colle - perché siete un esempio per tutti a non mollare mai: il vostro entusiasmo e la vostra positività sono contagiosi". Anche l’assessore Mar ha voluto sottolineare quanto lo sport, soprattutto dopo una malattia come questa, sia importante per vincere la solitudine e affrontare le sfide di ogni giorno.

"Quella che ci date è una lezione di vita - ha precisato il delegato D’Anna portando i saluti del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro - sono certo che tornerete da Mosca con un grande risultato”. L’attenzione della città per le donne è stata inoltre sottolineata da Camozzi, che ha ricordato l’impegno di Venezia con la campagna nazionale di "Ottobre mese rosa per la prevenzione del tumore al seno", con la lotta alla violenza alle donne e con il sostegno alle donne immigrate.

La squadra mestrina “Trifoglio rosa” è nata nel giugno del 2012 all'interno della Canottieri Mestre ed è affiancata dalla Lilt. La prima squadra di dragon boat donne in rosa nasce nel 1996 in Canada a Vancouver dove un medico avviò un progetto per confutare la teoria secondo la quale le donne che avevano subito l'asportazione dei linfonodi ascellari in seguito al tumore al seno non potevano più fare sforzi con la parte superiore del busto. Al contrario lo studio ha dimostrato che praticare uno sport di squadra aveva avuto benefici psicologici e fisici sulle donne accomunate dallo stesso percorso di malattia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento