menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il punto dell'epicentro

Il punto dell'epicentro

Terremoto oggi anche a Venezia, il sisma per pranzo 21 giugno 2013

La scossa pochi minuti dopo le 12.30. A quanto sembra è stata avvertita in tutto il Nord. Social network assaltati. Nessun danno in provincia

Paura per pranzo venerdì mattina. Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in tutto il Nord Italia e in parte del Centro pochi minuti dopo le 12.30 L'epicentro, secondo l'Ingv, sarebbe stato a 2 chilometri da Fivizzano, in provincia di Massa e Carrara, magnitudo di 5.2 con profondità 5.1 chilometri.

La terra ha tremato distintamente anche nel Veneziano, specie ai piani alti dei palazzi. Segnalazioni da San Basilio, Spinea, Mirano, Marghera e San Donà. Lampadari in movimento e sedie "ballerine". In attesa dei primi dati forniti dall'Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia (il sito è rimasto intasato per il numero di contatti), i social network sono stati presi d'assalto per scambiarsi informazioni su quanto percepito.

"Io l'ho sentito, e tu?", la notizia della scossa si è quindi in pochi secondi allargata a macchia d'olio. Dalle prime informazioni nella provincia lagunare non si sarebbero registrati feriti o danni rilevanti. Nelle prossime ore, da prassi, con ogni probabilità verranno effettuati controlli in uffici pubblici e scuole. La scossa sarebbe stata avvertita in Emilia Romagna, Veneto, Liguaria, Lombardia e Toscana.

“Non dobbiamo avere paura dei terremoti ma delle case costruite male . Con il rischio sismico dobbiamo sapere convivere e dobbiamo prevenirlo con costruzioni adeguate, studi di microzonazione, investimenti mirati e informazione”. E' stato molto chiaro Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dei Geologi, a poche ore dal terremoto che ha colpito quasi tutto il Nord Italia.

“Un terremoto di 5.2 della scala Richter a soli cinque chilometri di profondità – ha proseguito Graziano – è sicuramente un terremoto forte che avrebbe potuto causare morti e crolli. Questo, stando alle prime notizie, non si è verificato. Forse la consapevolezza di quelle popolazioni di vivere in un'area ad elevato rischio sismico ha fatto si che esse stesse abbiano preteso di vivere in case sicure e costruite bene. Dobbiamo estendere questo modello di prevenzione, attraverso l'informazione, a tutto il Paese. L’Italia è sismica, molti edifici sono in aree di elevato grado di sismicità, milioni di cittadini risiedono in zone che sono potenzialmente ad elevato rischio sismico. L’arma che abbiamo è quella della prevenzione, che deve essere fatta con gli investimenti, ma anche con la giusta informazione”.      

IL PUNTO DELL'EPICENTRO

LA SCOSSA DI O GGI SUL SISMOGRAFO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento