Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Terza ondata di Covid dopo le vacanze, Veneto ad alto rischio. Gli scienziati: «Più restrizioni»

L'indice di contagio Rt torna a salire a dicembre e ci sono alcuni territori a rischio complessivo più alto. Tra questi il Veneto. Il pericolo della ripresa dell'epidemia dopo Natale 2020 e l'esortazione degli scienziati ad ampliare le restrizioni

È bastato un po' di shopping per far risalire l'indice di contagio e mettere a rischio cinque regioni italiane. Ieri il bollettino della Protezione Civile sull'emergenza coronavirus riportava 14522 nuovi casi, circa 1300 in più rispetto al giorno prima, con un tasso di positività all’8,3% (il giorno precedente era l’8%), alla faccia di tutti quelli che a settembre dichiaravano la prossima fine dell'emergenza, la seconda ondata dell'epidemia ha certificato un numero maggiore di morti rispetto alla prima. Lo riporta Today.

Le cinque regioni a rischio a gennaio 

Le vittime sono in Italia arrivate a quota 70.395: abbiamo superato dunque anche la soglia dei 70mila decessi, e non è detto che il peggio sia alle spalle. I numeri dicono che il Veneto attualmente è la regione più colpita con 3357 contagiati in 24 ore, seguita dalla Lombardia (2153), l'Emilia-Romagna (1129) e la Campania che è tornata stabilmente sotto quota mille.

Decade l'ordinanza regionale e si entra in zona rossa: tutte le limitazioni

Coronavirus, bollettino di ieri: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Il Veneto è anche primo nella casistica dei morti con 166 decessi, seguito da Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. Mentre calano i ricoverati ordinari e le terapie intensive, secondo gli scienziati la lettura dei dati fa emergere «una situazione estremamente variegata che espone alcune aree a un maggior rischio in vista della riapertura delle attività del 7 gennaio».

«In Veneto la più alta incidenza del virus in Italia»

Sempre secondo il monitoraggio mentre è complesso prevedere quale tipo di impatto potrebbero avere le feste natalizie sull'epidemia, «tuttavia le aumentata mobilità e interazione interpersonale potrebbero determinare un aumento rilevante della trasmissione di Sars-CoV-2». E questo comporterebbe «un conseguente rapido aumento dei casi a livello potenzialmente superiore a quanto osservato a novembre». Ovvero, si arriverebbe alla terza ondata. Gli esperti esortano il Veneto «ad applicare con urgenza le misure previste per questo livello di rischio nel documento "Prevenzione e risposta a Covid-19"», ovvero a varare nuove restrizioni, anche perché la regione ha un'incidenza di quasi 500 positivi per centomila abitanti, la più alta in Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terza ondata di Covid dopo le vacanze, Veneto ad alto rischio. Gli scienziati: «Più restrizioni»

VeneziaToday è in caricamento