Casinò, Baretta: «Apertura rinviata di 4 giorni. Basta rovesciare le carte in tavola»

Il governo ha disposto la ripartenza delle case da gioco lunedì 15. La Regione riavvia un po' dopo ed è polemica. Comune: «Responsabilità e sicurezza demandate agli enti locali»

Casinò, Ca' Noghera. Archivio

«Mi hanno invitato a darmi da fare per favorire la riapertura del Casinó. Perché, allora, la Regione Veneto la rinvia di 4 giorni?» È la domanda del sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale delle disposizioni del governatore Luca Zaia, che fissa al 19 giugno, 4 giorni dopo l'avvio stabilito dal governo, la ripartenza del Casinò. «Il Comune non ha fatto altro che sbraitare che bisognava aprire tutto e ora apre solo Ca’ Noghera e non Venezia», prosegue Baretta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Musei

«Non dobbiamo attendere i turisti, dobbiamo al contrario attirarli con un'offerta culturale e di servizi di qualità. Basta demagogia e propaganda. Basta rovesciare le carte in tavola. Come per i musei civici, come per i trasporti, come per altre attività gestite dal Comune. È così che l’amministrazione uscente intende aiutare il turismo? Questo modo sbagliato di governare non fa bene a Venezia», conclude. Il Comune qualche giorno fa aveva detto: «Il Pd non si prenda meriti che non ha. Dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale del decreto, l'esecutivo ha di fatto demandato alle Regioni e agli enti locali la responsabilità di verifica della situazione epidemiologica per la ripartenza, fra l'altro, delle case da gioco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento