rotate-mobile
Politica

Casinò, Baretta: «Apertura rinviata di 4 giorni. Basta rovesciare le carte in tavola»

Il governo ha disposto la ripartenza delle case da gioco lunedì 15. La Regione riavvia un po' dopo ed è polemica. Comune: «Responsabilità e sicurezza demandate agli enti locali»

«Mi hanno invitato a darmi da fare per favorire la riapertura del Casinó. Perché, allora, la Regione Veneto la rinvia di 4 giorni?» È la domanda del sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale delle disposizioni del governatore Luca Zaia, che fissa al 19 giugno, 4 giorni dopo l'avvio stabilito dal governo, la ripartenza del Casinò. «Il Comune non ha fatto altro che sbraitare che bisognava aprire tutto e ora apre solo Ca’ Noghera e non Venezia», prosegue Baretta.

I Musei

«Non dobbiamo attendere i turisti, dobbiamo al contrario attirarli con un'offerta culturale e di servizi di qualità. Basta demagogia e propaganda. Basta rovesciare le carte in tavola. Come per i musei civici, come per i trasporti, come per altre attività gestite dal Comune. È così che l’amministrazione uscente intende aiutare il turismo? Questo modo sbagliato di governare non fa bene a Venezia», conclude. Il Comune qualche giorno fa aveva detto: «Il Pd non si prenda meriti che non ha. Dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale del decreto, l'esecutivo ha di fatto demandato alle Regioni e agli enti locali la responsabilità di verifica della situazione epidemiologica per la ripartenza, fra l'altro, delle case da gioco».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casinò, Baretta: «Apertura rinviata di 4 giorni. Basta rovesciare le carte in tavola»

VeneziaToday è in caricamento