menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede della Confartigianato

La sede della Confartigianato

Ladri scatenati in via Torino, razzia negli uffici della Confartigianato

Il raid verso le 4 della mattina di giovedì. I delinquenti hanno rotto una finestra e hanno lasciato una lunga serie di danni. Rubati due pc

Ladri scatenati nella notte in via Torino a Mestre. Tra finestre rotte, porte forzate e razzie è stata decisamente una brusca riapertura di uffici e attività giovedì mattina. A finire nel mirino, verso le 4 della mattina, quando ancora per la strada non c'era anima viva, il grande palazzo ai civici 99 e 101 dove ha sede la Confartigianato del Veneto.

Al piano terra gli uffici dell'associazione, al primo piano spazi a quanto pare ancora vuoti in attesa di essere concessi in affitto dai proprietari. I delinquenti hanno rotto la finestrella di un bagno sul lato "meno frequentato" della zona (quello del parcheggio privato) e si sono introdotti all'interno dello stabile. Non è escluso che qualcuno degli intrusi possa pure essersi ferito durante l'incursione, visto che il pertugio era relativamente piccolo.

Fatto sta che subito è scattata la razzia: sono state forzate le serrature delle porte, nel caso aperte anche "con le cattive", ed è stato rovistato dappertutto tra gli uffici dell'associazione in cerca di oggetti di valore da trafugare. Alla fine i banditi sono scappati con un bottino di due personal computer e alcuni telefoni cellulari, con ogni probabilità messi in fuga dall'allarme scattato durante il raid. Niente soldi, visto e considerato che non ce n'erano. Nonostante l'intervento sul posto delle forze dell'ordine, però, dei delinquenti nessuna traccia. Forse erano gli stessi che poco prima erano penetrati all'interno della pizzeria d'asporto "Euro Pizza", un kebabaro poco distante, tentando addirittura di farsi una pizza senza successo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento