menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rendering del museo M9, che ospiterà reperti della storia mestrina

Rendering del museo M9, che ospiterà reperti della storia mestrina

Ritrovato per caso il "tesoro di Mestre" dentro uno scantinato

La scoperta ad opera di un architetto mestrino, qualche tempo fa. Un professore ne fece dono al Comune nel 1982, se ne erano perse le tracce

Un tesoro nascosto, venuto alla luce per caso: migliaia di reperti appartenenti alla storia mestrina, quella recente e quella molto, molto antica. Ci sono zanne di mammut e ritrovamenti dell'epoca preromana, nello scantinato aperto qualche tempo fa da un architetto di Mestre: materiale estremamente prezioso, che potrebbe essere valorizzato nel modo giusto ora che le possibilità ci sono. Ad esempio, trasferendolo nel nuovo museo M9. Lo riporta il Gazzettino.

In realtà tutto è cominciato molti anni or sono, quando Giuseppe Urbani De Gheltolf, professore nell'istituto d'arte Ticozzi e pittore, iniziò la raccolta e la catalogazione di una serie di reperti legati alla storia di Mestre. Aveva poi manifestato il sogno di realizzare un museo dedicato, lasciando tutto in dono al Comune di Venezia al momento della sua morte, nel 1982. Poi per anni di quei reperti non si è saputo nulla, relegati in qualche posto sconosciuto.

Il ritrovamento quando un architetto mestrino è dovuto entrare in un condominio di un quartiere della città per eseguire una perizia: lì, dentro un enorme scantinato di proprietà comunale, si è imbattuto nell'immenso tesoro. Davanti ai suoi occhi materiale di ogni tipo: palafitte rinvenute in piazza Barche all'epoca della costruzione del centro le Barche, al tempo Coin; zanne di mammut; stemmi, un busto che raffigura lo stesso De Gheltof; reperti di epoca preromana. Decine di ceste accatastate una sopra l'altra con reperti catalogati minuziosamente dal professore.

Il professionista ha subito compreso il patrimonio storico che gli si trovava davanti, anche perché ne aveva sentito parlare: un vero tesoro, conservato in un magazzino umido, non certo l'habitat naturale per reperti del genere. Ha aspettato qualche tempo prima di rivelare la sua scoperta, ora l'appello alle istituzioni perché se ne prendano carico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento