rotate-mobile
Cronaca San Donà di Piave

Sgominato traffico di anabolizzanti a San Donà di Piave: due in manette

Michele Bolzonella, 43enne di Marghera, e Daniele Urso, 39enne senza fissa dimora, rubavano i ricettari dei medici e si rifornivano nelle farmacie. Sequestrate 53 fiale di Testovis

Un commercio illegale fiorente quello delle sostanze anabolizzanti usate per doping. Lo avevano capito Michele Bolzonella, 43enne di Marghera, e Daniele Urso, 39enne senza fissa dimora, ma al loro ultimo appuntamento con il farmacista hanno trovato anche i carabinieri di San Donà di Piave ad attenderli. I due, infatti, rubavano ricettari dei medici per poi rifornirsi tranquillamente nelle farmacie. Una volta in possesso dei farmaci, li rivendevano a caro prezzo.

Un farmacista del Sandonatese, però, ha mangiato la foglia. Trovandosi di fronte alla richiesta di dieci confezioni di Testovis, un farmaco utilizzato per carenze ormonali che può essere sfruttato come sostanza dopante, si è insospettito e ha consegnato ai due "clienti" solo una confezione del prodotto, dicendo loro che quando sarebbero arrivate anche le altre nove li avrebbe avvertiti. Contattando il medico della ricetta, però, si scopre che alcune settimane fa lo stesso aveva subito il furto di due ricettari nel suo studio di Noventa di Piave. Da lì in poi sono scattate le indagini dei carabinieri.

Un altro farmacista della zona, dopo la richiesta dei due malviventi, si era insospettito e aveva detto loro di non essere in possesso del farmaco. Richiamandoli per avvertirli che potevano passare a ritirarli, ha aspettato il loro arrivo assieme ai militari dell'Arma.


Nell'auto dei due sono state trovate 26 scatole del farmaco, una ricetta falsificata e un elenco di farmacie della zona con tutte le indicazioni: dagli ordini effettuati alle scatole ritirate. Altro materiale è stato ritrovato nell'abitazione di Michele Bolzanella. Oltre alle confezioni (complessivamente sono state sequestrate 53 fiale intramuscolari di prodotto) del farmaco c'erano dei ricettari e dei timbri contraffatti di studi medici. I due avrebbero fatto acquisti in almeno sei farmacie. Ora dovranno rispondere dell'accusa di tentato commercio di farmaci anabolizzanti e ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgominato traffico di anabolizzanti a San Donà di Piave: due in manette

VeneziaToday è in caricamento