menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Espulsi tornano clandestinamente in cerca di qualche "extra": fermati

Un cittadino di origine albanese e uno di origine moldava sono stati scoperti rispettivamente a Spinea e Mestre mentre cercavano di mettere a segno qualche furto: sono stati arrestati dai carabinieri

Avevano entrambi precedenti ed entrambi erano già stati espulsi dal territorio nazionale. Eppure due malviventi si trovavano ancora in Italia, più precisamente nel Veneziano, a cercare di mettere a segno qualche furto.

Si tratta di un 27enne di origine albanese, L. X., e di un 34enne di origine moldava, C. Z., arrestati dai carabinieri nelle scorse ore a Spinea e a Mestre. il primo, con fare sospetto, si era cammuffato alla gente che stava trascorrendo qualche ore tra i mercatini della sagra. I militari lo hanno notato mentre con fare sospetto cercava di avvicinarsi ad alcuni passanti e alle bancarelle e si sono messi sulle sue tracce. Il giovane ha cercato anche di fuggire nascondendosi in un condominio, ma è stato raggiunto e identificato. Espulso lo scorso giugno, era già rientrato in Italia. Per lui sono scattate immediate le manette.

Il 34enne di origine moldava, invece, è stato bloccato a Mestre mentre in via Felisati si aggirava in modo sospetto tra le automobili in sosta. I carabinieri lo hanno scoperto e hanno deciso di fermarlo. Il malvivente ha tentato per ben due volte di scappare, spinonando anche i militari per cercare di allontanarli ma è bloccato. Dai successivi accertamenti è poi emerso che l'uomo era stato allontanato dall'Italia nel luglio del 2013. Anche lui, come l'altro ladruncolo, è stato processato per direttissima.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento