Automobilista "di fretta" abbatte la sbarra: inevitabili disagi alla circolazione dei treni

Oggetto del gesto incivile il passaggio a livello di Gambarare di Mira. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per gestire il traffico in una circostanza pericolosa

Le sbarre stavano per abbassarsi, e un automobilista ha pensato che la soluzione più ovvia per evitare i lunghi tempi di attesa fosse quella di accelerare improvvisamente. Risultato finale: il mezzo è andato a sbattere contro la stanga di metallo, sfondandola. Una scelta illogica e incivile quella del conducente del mezzo, che ha creato inevitabilmente dei disagi alla circolazione. Il passaggio a livello in questione è quello di Gambarare di Mira, relativo alla linea Venezia-Adria.

Il conducente "senza scrupoli" avrebbe abbattuto la barriera attorno alle 11.30 di lunedì mattina, con i carabinieri della tenenza di Mira intervenuti per mettere in sicurezza la zona. Dell'accaduto è stata informata anche la polfer. Il pericolo concreto, infatti, è che i veicoli senza vedere la sbarra potessero occupare i binari proprio nel momento del passaggio di un convoglio. Per un impatto che in simili circostanze sarebbe stato inevitabile. L'intervento tempestivo delle forze dell'ordine è risultato quindi indispensabile per regolare il flusso dei mezzi in transito fino al ripristino del normale funzionamento delle barriere. Si allunga così la lista dei passaggi a livello "forzati" in territorio veneziano: oramai negli ultimi mesi si è superata la decina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento