rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Baby gang: «Già 30 persone assicurate alla giustizia, ma il lavoro non è finito»

Lo ha detto il prefetto di Venezia, Vittorio Zappalorto, in seguito alle cinque misure eseguite ieri a carico degli autori del pestaggio a Rialto. Resta l'intenzione di incontrare i genitori

Sulle baby gang «c'è un lavoro in corso d'opera, ci stiamo lavorando da mesi e non è ancora chiuso»: a dirlo è il prefetto Vittorio Zappalorto, che stamattina, in seguito ai nuovi 5 arresti eseguiti ieri nei confronti dei responsabili del pestaggio a Rialto, ha tirato le somme di quanto fatto fin qui: «Una trentina di persone sono assicurate alla giustizia - ha ricordato - e per questo un ringraziamento va, oltre che alle forze dell'ordine, anche alla magistratura».

Violenza e baby gang

«È una questione angosciante per i cittadini - ha aggiunto -. Questi ragazzi sono tutti seguiti dai servizi sociali, sia all'interno delle comunità che in carcere. Questo è un momento fondamentale per loro, di formazione e riflessione». Sul fronte della prevenzione, invece, «c'è un protocollo con il Comune relativo al bullismo». Zappalorto ha ribadito l'intenzione di incontrare le famiglie dei violenti, o almeno una parte di esse: «Ho sempre in programma l'incontro con i genitori - ha detto -. Lo farò con chi ha dimostrato di voler collaborare, e li incontreremo assieme alla squadra mobile e al Comune, perché poi è al Comune che spetta mandare avanti progetti in questo senso».

Plauso per l'arresto del ladro seriale

Sempre stamattina il prefetto si è congratulato con gli agenti del commissariato di Mestre per l'arresto del ladro seriale che negli ultimi mesi avrebbe messo a segno decine di furti in appartamento tra Mestre e Marghera. «È stata restituita serenità a un intero quartiere - ha detto - È un'operazione significativa ed è stato importante anche incontrare i cittadini, che hanno collaborato e dato elementi utili alla polizia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby gang: «Già 30 persone assicurate alla giustizia, ma il lavoro non è finito»

VeneziaToday è in caricamento