menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I "tagliaborse" sono tornati, tre ladre sorprese in azione a Rialto

Le nomadi sono state bloccate nella zona dell'imbarcadero dopo aver derubato una turista. Con sé mille euro. Sono state denunciate

Una lametta, due profondi tagli e il portafoglio sparisce dalla borsa. Erano diversi anni che a Venezia non si registravano episodi di "tagliaborse" in azione. Domenica, invece, il nucleo di polizia giudiziaria della Municipale ha colto in flagranze tre donne nomadi di nazionalità italiana, residenti nella provincia di Modena.

Gli agenti in abiti civili, erano impegnati in un servizio di antiborseggio, appositamente predisposto per il Carnevale. Alle 15, sul ponte di Rialto, hanno individuato il trio sospetto che, dopo alcuni tentativi non riusciti, ha deciso di spostarsi verso gli imbarcaderi, dove ha effettuato il furto ai danni di una turista filippina di 36 anni. Alle 15.30, gli agenti hanno condotto le tre donne a Ca' Farsetti, dove è stata effettuata la perquisizione al termine della quale sono stati sequestrati 1145 euro, di cui 115 sono stati restituiti alla turista. Le ladre, con precedenti simili alle loro spalle, sono state denunciate a piede libero.

Poco più tardi, invece, sempre sul ponte di Rialto, una turista è stata derubata del cellulare che aveva nello zaino. Il compagno della sventurata ha reagito d'istinto, bloccando il ladruncolo e strappandogli di dosso il giubbotto. Il malintenzionato è quindi riuscito a fuggire, lasciando sul posto il bottino. (DETTAGLI). Altri due delinquenti sono stati individuati e bloccati in piazza San Marco.

Altro punto focale della giornata, infatti, è stato il volo dell'Angelo dal Campanile di San Marco, con circa centomila persone accorse per l'evento: "La nuova struttura di viabilità di accesso alla piazza – ha precisato il comandante Luciano Marini – ha comportato un notevole incremento di personale della polizia municipale, reggendo l'impatto della massa di persone che ha raggiunto il centro storico".

ARRESTO LUNEDI MATTINA - Un nuovo arresto è stato messo a segno lunedì mattina dalla Municipale all'imbarcadero di Santa Lucia: una giovane bosniaca ventiduenne (M.H.), colta in flagranza del reato di furto aggravato, ha cercato di liberarsi di un portafoglio appena sottratto a una turista americana, contenente due carte di credito e 70 dollari. Inoltre dopo la perquisizione, effettuata con l’ausilio del personale della polfer, sono state rinvenute, nascoste nel reggiseno, banconote argentine e sudafricane. Sulla giovane, già arrestata a settembre, pendeva l'obbligo di non ritorno nel Comune di Venezia. Lunedì, verso le 10.30, la ragazza è stata notata entrare e uscire più volte dall'imbarcadero Actv davanti alla stazione, all'arrivo dei vaporetti provenienti da Piazzale Roma. Con lei c'era una complice che aveva il compito di osservare quanto avveniva all'esterno dell'approdo. Dopo l’ennesimo 'sopralluogo' è stata fermata mentre usciva dall’imbarcadero e saliva i gradini verso la ferrovia, al binario 1, per tornare a Mestre. La ventiduenne è stata dichiarata in arresto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Politica

    Affidato all'Europa il salvataggio delle dune degli Alberoni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento