menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinasce il Cerid, un aiuto concreto alle famiglie delle persone colpite da handicap

Inaugurato il centro ricreativo a Spinea nella sede ristrutturata dell'ex scuola Disney. Al sostegno economico contribuiscono anche i comuni della Riviera del Brenta

Il Cerid c'è. Il centro educativo ricreativo diurno di Spinea è stato inaugurato lunedì all’ex scuola Disney, in via Pozzuoli 13, nei locali ristrutturati e dati in comodato d’uso gratuiti all’Ulss 3 dallo stesso Comune. Il centro, in origine ospitato in via Costa, poi temporaneamente al centro diurno per disabili, offre un servizio di socializzazione pomeridiano – tra le attività occupazionali svolte si punta all’utilizzo del computer e al disegno - rivolto a disabili maggiori di 18 anni con handicap di grado lieve e medio-lieve.

Si tratta di un servizio previsto nella programmazione del Piano di Zona della conferenza dei sindaci, sostenuto nei costi (circa 60 mila euro all’anno) dal comitato dei sindaci del distretto Mirano-Dolo. Il servizio è gestito dall'Ulss 3, tramite personale di una cooperativa (un educatore e due operatori sociosanitari), a cui si aggiunge la collaborazione con l'associazione aiuto alle Persone Handicappate di Spinea che, con i suoi volontari, è presente quotidianamente.

UN AIUTO ALLE FAMIGLIE

"Questa struttura – ha esordito il sindaco di Spinea, Silvano Checchin - nasce con lo scopo di essere un centro aggregativo che mette in relazione disabili, giovani e anziani. Qui infatti oltre alla sede del C.E.RI.D. ci sarà la sede del centro di ascolto Attilio Scocco e gli operatori di strada per le politiche giovanili. Fare rete, fare comunità, promuovere le energie del territorio per una città sempre più vivibile: questo lo scopo di questo spazio al Villaggio dei Fiori".

“Il nuovo C.E.RI.D. – ha detto il direttore generale della Ulss 3, Giuseppe Dal Ben - si caratterizza come aiuto alle famiglie e soprattutto come momento di socializzazione e di mantenimento delle abilità delle persone disabili. E’ un giorno importante, quello di oggi, - ha aggiunto - perché grazie al Comune di Spinea e alla collaborazione con il comitato dei Sindaci di Mirano Dolo è stato possibile restituire ai cittadini uno spazio più confortevole per i locali rinnovati e i nuovi arredi, garantendo così un servizio di qualità”.

UN NUOVO ORTO

Con la ristrutturazione della ex scuola, ubicata in uno dei quartieri più centrali di Spinea, il Villaggio dei Fiori, il Comune di Spinea ha permesso agli ospiti disabili spazi più ampi, luminosi, opportunamente arredati per le attività di laboratorio e socializzazione. Inoltre, nell’edificio ristrutturato di circa 400 metri quadrati, hanno trovato spazio le politiche giovanili con gli Operatori di Strada e la nuova sede dell’associazione centro d’Ascolto Attilio Scocco che da molti anni collabora con i servizi sociali del Comune. Nel giardino della ex scuola, infine, verrà realizzato dai disabili e i volontari un piccolo orto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento