menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cimitero di via Matteotti a Spinea, martedì

Cimitero di via Matteotti a Spinea, martedì

Cimitero chiuso, domattina gli artificieri iniziano a lavorare sull'ordigno ritrovato

Interrogativi e polemiche infervono da domenica a Spinea, dopo il ritrovamento del frammento bellico al camposanto di via Matteotti. Cancelli ancora sbarrati martedì, ma domani arrivano i rinforzi

Le lapidi si intravedono ancora attraverso le sbarre del cancello d'ingresso chiuso, martedì mattina, al cimitero di via Matteotti a Spinea. Il cartello avverte che anche per oggi non sarà possibile visitare i propri cari. Causa: il frammento di ordigno bellico trovato all'interno, la scorsa settimana, che da domenica ha reso necessario impedire l'accesso per accertamenti e «in via precauzionale», come ha spiegato poi il sindaco Martina Vesnaver via Facebook. Da allora nessuna novità. Con le polemiche a montare fra cittadini e fioristi arrabbiati, per le mancate vendite e il deterioramento della merce. Martedì mattina la situazione si sblocca. Il primo cittadino verso mezzogiorno riferisce ufficialmente che mercoledì mattina, al camposanto, arriveranno gli artificieri.

Cimitero Spinea3-2

Incertezza

«Abbiamo solo l'ordine di tenere chiuso, ma non sappiamo di più», dice un operatore Veritas comparso all'esterno del cimitero martedì, verso le 11 e  mezza. La fiorista invece ci viene incontro per raccontarci che da sabato a oggi sono più di tre giorni che non sa se aprire o no, «anche perché i fiori fuori e dentro si sciupano, già lavoriamo poco in questo periodo. In più a breve arrivano le tasse da pagare. Ma dico io, se era seria la cosa, non potevano intervenire giù lunedì mattina? A stare qua al momento ne sto perdendo. Anche oggi non si è visto nessuno. Perciò intanto chiudo nel pomeriggio».

Cimitero Spinea1-2

La comunicazione

«Alle 9.30 di domani, mercoledì 7 giugno, inizieranno le operazioni con gli artificieri - dice Vesnaver -. Chiediamo la cortesia di lasciare che le forze dell’ordine operino in tranquillità. Desideriamo esprimere il nostro riconoscimento all’Arma dei carabinieri che si è resa disponibile ai nostri solleciti e ha contribuito così alla risoluzione del problema più velocemente possibile, vista la sensibilità del sito. Desideriamo esprimere la nostra comprensione e vicinanza ai cittadini che da giorni non possono visitare i propri cari, e ai fioristi, che sicuramente stanno riportando danni, ma vi assicuriamo che è stato fatto tutto il possibile per operare nella massima celerità in questo tipo di accadimenti. Grazie a tutti per la comprensione e la collaborazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento