rotate-mobile
Cronaca Tessera / Viale Galileo Galilei, 30/1

Lo "sciopero" di Marchi nel mirino della Cgil: "Si tutelino i lavoratori"

Il sindacato in una nota polemizza su quanto accaduto ieri, quando si sono verificate lunghe code all'aeroporto per la protesta del presidente di Save nei confronti di Enac: "Le risorse ci sono"

Il particolare "sciopero" minacciato, e poi attuato, da Enrico Marchi che ieri ha mandato nel caos l'aeroporto Marco Polo finisce nel mirino della Filt Cgil, che in una nota stigmatizza la decisione del presidente di Save di non voler procedere a investimenti (e quindi ad assumere personale stagionale per sopperire all'aumento di turisti che si recano nello scalo lagunare) in polemica con Enac, "rea" di non aver ancora sottoscritto da 12 anni l'accordo di programma che permetterebbe alla società di gestione dello scalo di adeguare le tariffe aeroportuali, dando corso agli investimenti infrastrutturali previsti.

"I bilanci faraonici dichiarati e approvati dal Consiglio di amministrazione dimostrano l’assoluta non necessità di tali aumenti che ricadrebbero sui passeggeri - attacca la Cgil - Se le risorse che genera l’aeroporto fossero utilizzate per potenziare lo scalo, avremmo un’aerostazione e un sistema complessivo molto più avanzato e molto più corrispondente alle necessità attuali".


Secondo il sindacato "è invece indispensabile che si discuta all’interno del mondo aeroportuale veneziano di come si tutelano i lavoratori che producono questa immensa ricchezza, di come si distribuiscono le risorse per garantire i loro diritti e la loro dignità". La Cgil "punta" anche i progetti di espansione che la gestione del Marco Polo ha via via presentato: dalla stazione dell'alta velocità, a un centro commerciale a Tessera, fino alla "discussa" seconda pista. "Chiediamo che i soci della società Save pubblici e privati e il ministero aprano un’inchiesta per fare chiarezza se quanto previsto nella concessione data alla Save venga attuato dal suo presidente".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo "sciopero" di Marchi nel mirino della Cgil: "Si tutelino i lavoratori"

VeneziaToday è in caricamento