rotate-mobile
Cronaca Tessera / Ca' Noghera

"Si intasca i soldi dei giocatori", croupier viene arrestato al Casinò

Un cinquantenne di Dolo è finito in manette al tavolo da gioco domenica pomeriggio. Da tempo la polizia lo controllava per il suo comportamento

Era considerato uno di fiducia. Tanto che nel 1999 fu lui a tenere i corsi per i nuovi croupier in vista dell'apertura della sede del Casinò a Ca' Noghera. Quattordici anni più tardi, come riporta La Nuova Venezia, proprio lì sono scattate le manette. Nel tardo pomeriggio di domenica.

La polizia, infatti, che stava tenendo d'occhio da tempo quel professionista cinquantenne originario di Dolo, è intervenuta dopo che quest'ultimo si sarebbe "tenuto per sé" circa 500 euro giocati dai clienti. Sia alla roulette, sia al "punto banco", un gioco in cui si sfidano non gli altri giocatori ma direttamente il banco. L'arresto sarebbe scaturito al termine di una serie di accertamenti da parte degli inquirenti scattati evidentemente dopo che qualcuno aveva intuito che qualcosa non tornasse.

L'azienda, contattata dal quotidiano, ha confermato l'arresto e avrebbe dichiarato che sul suo dipendente riponeva fiducia. Tutto si sarebbe svolto sotto gli occhi stupiti delle molte persone che durante il giorno di festa avevano deciso di passare il pomeriggio tra fiches e roulette. Compresi i colleghi dell'arrestato, che mai avrebbero pensato a nulla del genere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Si intasca i soldi dei giocatori", croupier viene arrestato al Casinò

VeneziaToday è in caricamento