Cronaca

Acqua alta, a Palazzo Zaguri 120mila euro di danni

Importante la conta dei danni, tra materiali espositivi e pubblicazioni del bookshop

Riapre questo weekend dopo cinque giorni di chiusura forzata per i danni subiti durante l'alta marea il complesso museale di Palazzo Zaguri in campo San Maurizio. Nella mareggiata con picco di 187 centimetri che ha colpito il centro storico di Venezia, la dimora trecentesca a poche centinaia di metri da San Marco ha subito danni per circa 120mila euro fra impianti interni all'edificio, materiali espositivi e pubblicazioni del bookshop.

Palazzo Zaguri, danni per 120mila euro

«Abbiamo cercato di salvare il salvabile, - ha spiegato Mauro Rigoni, titolare di Venice Exhibition srl - purtroppo invece gli impianti sono stati gravemente danneggiati, bloccando per 5 giorni l'apertura delle tre mostre allestite. Soprattutto gli impianti elettrici dell'ascensore, del monta scale e della cabina locale termica. Danni anche al mobilio, andate in corto circuito le attrezzature della reception come pc e stampanti, i frigoriferi con le bibite, le audioguide e a mollo i libri del bookshop. I danni avrebbero potuto essere molto più gravi se fossero state attaccate dall'acqua salsa le tre opere anatomiche trattate con la tecnica della plastinazione in fase di preparazione nei laboratori al piano terra. Fortunatamente il personale delle mostre con grande tempismo le ha trasportate al primo piano per proteggerle non appena è stato dato l'allarme sapendo che a contatto con l'umidità si sarebbero rovinate in modo irreversibile».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua alta, a Palazzo Zaguri 120mila euro di danni

VeneziaToday è in caricamento