Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Raffica di arresti, meno prostitute Terraglio: "Rischio faida tra bande"

Presentati i dati sulla prostituzione a Venezia. Dove scattano le manette fenomeno inferiore. Il settore nel 2012 ha fruttato 24 milioni di euro

Gli arresti operati dalle forze dell'ordine sembrano aver dato i loro frutti. Dove infatti le manette, al termine di indagini spesso difficili per l'atmosfera di omertà che permea certi ambienti, sono scattate ai polsi degli sfruttatori il numero di prostitute è diminuito nel 2013 rispetto al 2012. Le operazioni di supporto di servizi sociali e di altre associazioni del settore, invece, hanno mitigato il problema. Ma non lo hanno certo diminuito a livello numerico. Del resto la polizia fa il proprio lavoro, i servizi sociali un altro. In ogni caso i dati per quanto riguarda il Comune di Venezia parlano di una sostanziale diminuzione della prostituzione soprattutto nella zona del Terraglio e di Campalto-San Giuliano.

"Il controllo dei territori in cui esercitare la prostituzione (Terraglio, via Fratelli Bandiera, zona San Giuliano-Campalto e area di via Piave intorno alla stazione ferroviaria) – ha spiegato il vicesindaco Sandro Simionato - è in mano a bande criminali albanesi. La gestione diretta delle ragazze che esercitano in strada era invece, fino a poco tempo fa, in mano a sfruttatori bulgari, ungheresi e rumeni che pagavano il pizzo agli albanesi per l'utilizzo delle postazioni di strada. In seguito agli interventi repressivi delle forze dell'ordine si è ridotta di molto negli ultimi tempi la presenza delle  prostitute dell'est Europa soprattutto nell'area del Terraglio (dove si è passati da 10 segnalazioni da parte dei cittadini nel 2012 a nessuna del 2013) e nella zona di via Orlanda, mentre ancora consistente risulta la presenza in via Fratelli Bandiera e in via Piave. Il rischio – ha proseguito Simionato – è che le aree abbandonate da bulgari, ungheresi e rumeni, ora interessati ad altre zone come Quarto d'Altino, Dese, Marcon, vengano gestite da altri gruppi criminali albanesi, dando il via a possibili guerre tra bande per la gestione di un fenomeno così redditizio”.

Ma il mondo della prostituzione è molto più ampio e variegato. Ci sono le studentesse che vendono il proprio corpo per pagare l'affitto, ci sono i trans e ci sono le escort. Fino alla prostituzione via web. Secondo una ricerca effettuata nel 2012 il volume di affari legato al fenomeno della prostituzione in strada è di circa 54 milioni di euro in tutto il Veneto: 6,3 milioni interesserebbero il territorio del Comune di Venezia, valore al quale vanno aggiunti i circa 18 milioni di euro che provengono dalla prostituzione esercitata al chiuso, per un totale di oltre 24 milioni di euro.

Negli anni 2012 e 2013 il numero totale di persone che si sono prostituite sulle strade del territorio comunale è rimasta pressoché stabile, passando da 321 a 313 unità. Una diminuzione significativa si è invece registrata sui dati relativi alla media giornaliera su base annua, che è passata da 61 unità per il 2012 a 54 unità per il 2013, a un fronte di un aumento del numero delle nuove presenze, che sono passate da 117 unità nel 2012 a 139 nel 2013. La percentuale di uomini e dei transessuali che si prostituiscono è aumentata, rispettivamente del 3% e del 4%, mentre per quanto riguarda le donne si è registrato il 7% di presenze in meno nel 2013 rispetto al 2012 (soprattutto donne provenienti dall’Africa e, in maniera meno significativa, quelle provenienti dall’Est Europa).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffica di arresti, meno prostitute Terraglio: "Rischio faida tra bande"

VeneziaToday è in caricamento