menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si taglia camminando per i campi, 90enne muore di tetano a Dolo

La donna non si era mai vaccinata e, anche a causa dell'età avanzata, il batterio ha avuto campo libero, portando in breve alla sua morte

Può sembrare solo uno spauracchio, una malattia ormai “superata” e sconfitta dai progressi della scienza medica, ma di tetano si può ancora morire, purtroppo. A riaccendere l'attenzione sull'argomento è stata la morte di una novantenne residente in Riviera, infettata dalla tossina e deceduta all'ospedale di Dolo, come riporta una nota dell'Asl 13 ripresa anche dalla Nuova Venezia.

MALATTIA INSIDIOSA – La donna, stando a quanto riferiscono i medici di Dolo, si sarebbe infettata alcune settimane fa attraverso una ferita alla gamba riportata mentre stava camminando per i campi della zona. La signora non era mai stata vaccinata e il batterio ha quindi avuto campo libero, portando in breve all'aggravarsi delle condizioni della donna e quindi al decesso. Il tetano, cui basta anche una piccola ferita per entrare nell'organismo, porta solitamente a contrazioni muscolari, rigidità del collo, difficoltà alla deglutizione, rigidità dei muscoli dell’addome e degli arti, inoltre possono esserci febbre, sudorazione, tachicardia. Il paziente rimane cosciente e gli spasmi muscolari causano inteso dolore. Il periodo di incubazione può variare dai tre ai 21 giorni e, oltre alla ruggine, è importante prestare attenzione anche a rami, spine e rovi.

VACCINI SALVAVITA - Il tetano è infatti una malattia infettiva causata dal batterio "Clostridium tetani", che è normalmente presente nell’intestino dei bovini, equini e ovini, e nell’intestino umano e che viene eliminato con le feci. Il batterio può sopravvivere nell’ambiente esterno anche per anni, contaminando la polvere e la terra, unico metodo di prevenzione sicuro resta quello dei vaccini e dei relativi richiami. In particolare le donne nate prima del 1963 potrebbero non essere mai state immunizzate e i nuovi nati spesso non vengono sottoposti alla puntura a causa della diffidenza dei genitori, proprio queste categorie dovrebbero invece prestare ancora maggiore attenzione e non saltare neppure un'iniezione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento