menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nè internet nè telefono per mesi: gli offrono risarcimento di 100 euro

Graziano Schiavo aveva firmato un nuovo contratto per l'azienda: "Chiederò molto di più, abbiamo rischiato di chiudere per un così lungo stop"

Cento euro di rimborso per due mesi di disagi e di perdite economiche. Dire che l’offerta formulata da una nota azienda di telecomunicazioni a Graziano Schiavo è inadeguata potrebbe risultare un eufemismo. Almeno secondo Adico, associazione che in una nota decide di raccontare la vicenda dell'imprenditore. A causa dell’operatore, infatti, il trentatrenne titolare della I.T. Repair di Marcon - azienda informatica che fornisce assistenza tecnica e funge anche da punto vendita - a settembre, da un giorno all’altro, si sarebbe ritrovato senza linea adsl e senza telefono fisso, per un problema che si è risolto solo a metà novembre pur essendo facilmente individuabile. Ora Schiavo s’è rivolto all’Adico, dopo che l'azienda ha appunto offerto a risarcimento dei disagi subiti 100 euro. “In questi due mesi – spiega Schiavo – i disagi sono stati un’infinità, per noi, per i clienti, per i fornitori. Se andavamo avanti così un altro po', rischiavamo di chiudere. Abbiamo chiamato decine di volte l’assistenza ma abbiamo solo riscontrato una totale assenza di comunicazione. Abbiamo cercato di ovviare in diversi modi ma alla fine abbiamo di sicuro perso ben più di 100 euro”. In effetti tramite l’ufficio legale dell’Adico, il 33enne formulerà una richiesta di alcune migliaia di euro, ricordando all’operatore il disservizio subito.

In effetti tutto comincia quando la I.T. Repair decide di potenziare la propria linea, aumentando la velocità a 20 mega. “La nuova linea ha funzionato per un paio di giorni – continua Schiavo – poi basta, s’è bloccato tutto”. Da quel momento, il titolare ha contattato più volte l'azienda che gli ha sempre detto di non preoccuparsi e in un paio di occasioni ha anche inviato i tecnici per controllare e cambiare il modem. “A novembre il tecnico che è venuto per controllare ancora la linea è andato alla centralina che si trova a duecento metri dalla nostra azienda e si è accorto che c’era un filo rotto. Era quello il problema".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento