menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia Venezia, archivio

Polizia Venezia, archivio

Nasconde le vetrine del locale e organizza una festa privata. Multe e chiusura

È successo a San Lio nei giorni scorsi. La polizia attirata dal volume alto della musica ha scoperto una decina di persone all'interno, drink e balli sui tavoli senza mascherina

Oscura le vetrine del ristorante con fogli di giornale per continuare l'attività all'interno, organizzando una festa privata. È accaduto nel centro storico veneziano, in zona San Lio, nei giorni scorsi. Il commissariato San Marco della polizia di Stato, diretto dal vicequestore Riccardo Sommariva, durante i controlli per il rispetto delle disposizioni anti Covid-19, ha scoperto il fatto. Il locale ha tentato di aggirare le disposizioni e sono perciò scattate le sanzioni: una multa di ammontare complessivo pari a 1960 euro. Per il gestore dell’attività è stata richiesta alla prefettura anche la chiusura del ristorante per cinque giorni. 

Ad attirare l’attenzione dei poliziotti è stata la musica ad alto volume proveniente dal ristorante, al cui interno si stava svolgendo la festa. L’attività di ristorazione, apparentemente chiusa, aveva nascosto le vetrine con dei fogli di giornale, servendosi di una porta di servizio posta sul retro per garantire l’accesso e l’uscita degli invitati. All’interno è stata trovata una decina di clienti, alcuni dei quali danzanti sui tavolini dell’attività e intenti a sorseggiare drink: tutti erano privi di mascherina. Sono stati identificati e sanzionati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento