rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Terminal passeggeri 103, Tronchetto

Gatti rari da ogni parte del mondo per l'esposizione veneziana

Oltre 400 gatti di razze pregiate sulla passerella della fiera mondiale, in programma al Terminal Passeggeri 103 del Tronchetto (dentro la Dogana) dalle 10 alle 19 nella città lagunare

Snowshoe è un gatto americano molto raro per l’Italia, il cui unico importatore è l’allevatore Alvise Piccoli di Breda di Piave (Treviso) che sabato 2 e domenica 3 marzo ne porterà un esemplare maschio a Venezia alla 5a Esposizione internazionale felina. Assieme al giovane Lukas di un anno e mezzo, tra i mici più rari saranno in mostra 4 russi kurilian bobtail che arrivano da Gorizia, un Egyptian Mau in arrivo da Brescia, 2 russi Peterbald da Bologna, un Begnal da Stienta (Rovigo); e ancora Somali, Ragdoll, Siberiani e altri mici di razze poco consuete che sfileranno assieme ad altri 400 gatti di razze pregiate sulla passerella dell'esposizione mondiale, in programma al Terminal Passeggeri 103 del Tronchetto (dentro la Dogana) dalle 10 alle 19.

Il concorso di bellezza a ingresso gratis per i bambini fino a 12 anni (adulti biglietto 10 euro), prevede nelle due distinte competizioni del week-end, un confronto sotto un profilo estetico tra i mici portati da allevatori italiani e sloveni. Come ricorda Costanza Daragiati, organizzatrice della manifestazione patrocinata dal Comune di Venezia, il pubblico vedrà esemplari bellissimi anche di molte altre razze: persiani, esotici, british, devon rex, certosini, somali, orientali, sphynx, norvegesi delle foreste, Maine coon, che si contenderanno coccarde, coppe, ma soprattutto i punteggi per la graduatoria internazionale. Il compito di premiare i gatti che più si avvicinano agli standard di razza (per caratteristiche fisiche e di “personalità”) è affidato a cinque giudici della Federazione Felina Internazionale: Linda Sviska della Lettonia, la olandese Stephe Bruin, lo svedese Martti Peltonen e gli italiani Fabio Brambilla, Gianfranco Mantovani. Quest’ultimo è il presidente nazionale dell’Anfi, Associazione Nazionale Felina Italiana sotto la cui egida si svolge l’evento veneziano.

Al Raduno di primavera dei Sacri di Birmania curato dall’Associazione Italiana Amatori Gatto sacro di Birmania, sabato 2 marzo sarà presente a Venezia un particolar numero di questi mici dagli occhi blu e dalle punte delle zampe completamente bianche, originariamente venerati nei templi buddisti in quanto si riteneva che gli umani si reincarnassero in loro. In mostra anche prodotti per alimentazione, cura, bellezza e “tempo libero” dei piccoli amici, con curiose novità. L’expo si raggiunge in auto (parcheggio dentro la Dogana) o col People Mover su rotaia (partenza da piazzale Roma e prima fermata prima del parcheggio del Tronchetto).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gatti rari da ogni parte del mondo per l'esposizione veneziana

VeneziaToday è in caricamento