Cronaca Marghera / Via Fratelli Bandiera

Fugge in bici dopo il furto a una lucciola ma cade a terra, preso

A un 32enne la nottata tra mercoledì e giovedì si è conclusa molto male. Aveva preteso un rapporto non protetto, la prostituta si era opposta

Pretende di continuare senza protezioni ma la prostituta si oppone. Lui va su tutte le furie e la deruba della borsetta con il cellulare e i venti euro della prestazione. Momenti concitati verso l'1.30 della notte tra mercoledì e giovedì in via Fratelli Bandiera, quando una pattuglia delle volanti in servizio di perlustrazione è stata fermata da un gruppetto di lucciole all'altezza di via Calvani. Il furto era appena stato consumato.

Tra loro, infatti, c'era una 29enne liberiana che mai avrebbe pensato che quel rapporto sessuale sarebbe stato contraddistinto dal brutto colpo di scena. Fatto sta che agli agenti viene descritto il fuggitivo e anche la bici in sella alla quale era scappato via. Il malintenzionato, che aveva preteso indietro i soldi pagati per la prestazione ricevendo un rifiuto dalla donna, era quindi scappato inforcando i pedali lungo via dell'Elettricità. La volante lo vede, ma è il cliente stesso a mettersi in trappola. Girandosi per controllare dove fossero le forze dell'ordine urta all'improvviso un cordolo cadendo a terra. Cercando contemporaneamente di allontanare da sé il cellulare, ossia il corpo del reato. Si tratta di un 32enne romeno denunciato per furto aggravato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fugge in bici dopo il furto a una lucciola ma cade a terra, preso

VeneziaToday è in caricamento