Jesolo, arrestato per rapina il ladro sorpreso in albergo. Era tra i vandali del Laguna shopping

Un 22enne bloccato dai poliziotti lunedì dopo un breve inseguimento, era saltato giù dal primo piano dell'hotel Beny per tentare di fuggire. Ha ferito leggermente un agente

Si era introdotto nell'albergo per tentare di rubare, dopodiché ha cercato di fuggire ma è stato bloccato e arrestato. Si conclude così la vicenda che ha visto per protagonista un giovane di 22 anni, italiano di origine brasiliana e residente a Jesolo, già condannato in precedenza per droga. L'allarme era scattato verso le 12 di lunedì, quando la sala operativa del commissariato di Jesolo ha ricevuto la chiamata del gestore dell’hotel Beny, situato all'altezza di piazza Milano. L'uomo ha riferito della presenza di intrusi all'interno dell'albergo (al momento chiuso per la stagione invernale), spiegando anche di avere intravisto uno di loro scendere dalla scala antincendio con uno zaino in spalla, appartenente proprio all'albergatore. 

Balzo dal terrazzo e fuga

Il ladruncolo nel frattempo si era accorto di essere stato scoperto e si era nascosto in un balcone al primo piano. I poliziotti, arrivati sul posto, hanno circondato l’edificio, dopodiché uno di loro si è arrampicato fino ad avvicinarsi al giovane malvivente, inizialmente non visto. Improvvisamente però il ragazzo si è accorto della presenza dell'agente e ha tentato il tutto per tutto, spintonandolo e poi gettandosi giù dal terrazzo, da un’altezza di circa tre metri. Rimasto illeso dopo il volo, si è rialzato e ha proseguito la fuga in direzione della spiaggia.

Aggressione ai poliziotti

Al suo inseguimento si sono messi sia gli altri poliziotti delle pattuglie sia quello che gli si era avvicinato, il quale a sua volta si è buttato dal primo piano. Il fuggitivo è stato raggiunto quasi subito, all’altezza della recinzione che separa la proprietà dell’hotel dall’arenile. Ancora deciso a non arrendersi, si è voltato e ha ingaggiato una colluttazione con gli uomini della volante, ferendone uno alla caviglia destra. Ciò non ha impedito di placcarlo definitivamente e arrestarlo. È stato recuperato lo zaino, che il ragazzo aveva abbandonato nella terrazza: all'interno c'era della refurtiva appartenente al gestore dell’hotel.

Danneggiamenti e furti

Il ladro è stato accompagnato negli uffici del commissariato e identificato, quindi trasferito al carcere di Venezia in attesa di comparire davanti al gip. Gli sono contestati i reati di rapina impropria e lesioni personali aggravate, ma non è tutto. Dagli accertamenti, infatti, è stato appurato che si era reso responsabile anche di un episodio di vandalismo al centro commerciale Laguna shopping: insieme ad altre due persone, nella notte tra venerdì e sabato, aveva rubato degli estintori dal parcheggio per poi svuotarli in strada. Tutti loro, inoltre, sono stati denunciati in stato di libertà per tentato furto aggravato in concorso all’interno di una lavanderia di via Modugno. Non è escluso che anche al Beny il 22enne fosse in compagnia dei due complici, i quali potrebbero essere riusciti a fuggire prima dell'arrivo della polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento