Giornata mondiale della poesia: "Emozioni, sentimenti e ricerca dei significati della vita"

Poeti dal Veneto e dall'Italia si sono dati appuntamento per un reading letterario sulla “Via lucis”: la poesia come strumento di luce nell'osservazione dell'assoluto e delle verità umane


Anche Venezia celebra la Giornata Mondiale della Poesia.  La vice presidente della commissione consiliare Cultura, Deborah Onisto, è intervenuta mercoledì alla Scuola grande di San Teodoro, alla Giornata mondiale della poesia organizzata dall'associazione culturale Omnia e dall'associazione poesia Venezia e patrocinata dall'Unesco, dalla Regione Veneto, dal Comune e dalla Città Metropolitana di Venezia.

'Ricerca dell'assoluto'

“Il 21 marzo, per tradizione primo giorno di primavera – ha sottolineato la vice presidente Onisto – coincide con la giornata mondiale della poesia, istituzione Unesco di grande importanza perché a quest'arte si riconosce un ruolo privilegiato nella promozione dei rapporti fra le differenti culture a dispetto delle differenze linguistiche, ma soprattutto per celebrare il suo primo tratto identificativo: la creazione di emozioni e sentimenti e la ricerca dei significati della vita”.

I grandi poeti

La manifestazione quest'anno per la prima volta si è ampliata all'intera giornata e ha visto il coinvolgimento delle scuole superiori del Veneto ed in particolare del Liceo classico “Marco Polo” di Venezia e dell'Educandato “San Benedetto” di Montagnana. Nel pomeriggio invece 60 poeti da tutto il Veneto e provenienti da tante altre regioni italiane si sono dati appuntamento per un reading letterario, sul tema “Via lucis”, ovvero la poesia come strumento di luce nella ricerca dell'assoluto e delle verità umane, al quale si sono unite le relazioni di docenti dell'Università Ca' Foscari. E' seguito l'omaggio a quattro grandi poeti: Giacomo Leopardi, Ugo Foscolo, Gabriele D'Annunzio, Salvatore Quasimodo.

Il premio

Grazie anche alla collaborazione di moltissime associazione culturali veneziane e venete la manifestazione quest'anno ha lanciato un'importante novità: un premio nazionale di critica poetica dedicato agli studenti delle Scuole superiori di tutta Italia dedicato alla figura e all'impegno poetico di Gino Pastega, recentemente scomparso, promotore di Poesia Venezia e della Giornata Mondiale della Poesia di Venezia. “Medico appassionato, punto di riferimento della medicina veneziana sia per le istituzioni sia per i pazienti – ha ricordato la consigliera Onisto a nome del sindaco e dell'amministrazione comunale – e profondo conoscitore dell'animo umano, analizzato nei suoi vari aspetti tramite la poesia di cui era originale interprete. Gino Pastega era sempre spinto dall'intenzione di far bene e di usare le proprie conoscenze per migliorare la condizione delle persone che gli erano affidate come medico e come politico”. Articolato in due sezioni, “Critica letteraria” e “Un poeta secondo me”, il premio grazie alla collaborazione con la casa editrice Lce, Laura Capone Editore, di Roma pubblicherà le opere critiche vincitrici realizzate dagli studenti che saranno selezionate da una giuria d’eccezione formata da docenti universitari, i professori Giuseppe Goisis, Gilberto Pizzamiglio, Rino Cortiana, Alessandro Cinquegrani e dalla promotrice del Premio Giovanna Pastega.

Gli studenti delle scuole superiori potranno partecipare al Premio iscritti dai loro insegnanti, dal 21 marzo 2018 sino all’8 dicembre 2018, inviando i loro elaborati alla mail:  g.pastega.premionazionale@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 10 gennaio 2021, le previsioni segno per segno

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

Torna su
VeneziaToday è in caricamento