E' morto Flaviano Pampagnin, l'imprenditore di Fossò picchiato dopo un incidente stradale

L'uomo era stato ricoverato in condizioni gravissime a inizio agosto, pare a seguito di un malore sopraggiunto dopo un diverbio con un giovane del luogo e un incidente stradale

Non ce l'ha fatta Flaviano Pampagnin, l'imprenditore di 63 anni di Fossò picchiato dopo un incidente stradale: è morto a Timisoara (Romania). L'uomo, all'estero per lavoro da una ventina d'anni, è deceduto venerdì all'ospedale - riportano i media locali - dove era stato ricoverato in condizioni gravissime a inizio agosto, pare a seguito di un malore sopraggiunto dopo un diverbio con un giovane del luogo dopo un incidente stradale. All'inizio ci sarebbe stato un primo momento di chiarimento con l'ammissione di colpa da parte di Pampagnin per l'incidente, ma il giovane romeno avrebbe inseguito la vettura dell'imprenditore e, una volta raggiunta, avrebbe aperto la portiera e avrebbe colpito il conducente con alcuni pugni. Pampagnin avrebbe perso i sensi e l'auto avrebbe causato un altro incidente. 

La polizia romena avrebbe arrestato il responsabile del pestaggio, un 27enne del posto. L'auto di Pampagnin sarebbe andata a impattare contro quella del giovane fermato, rompendone lo specchietto. Poi il romeno avrebbe inseguito la vittima tagliandogli la strada per bloccarne la corsa.

Pampagnin sarebbe riuscito a richiudere la porta e ripartire, sottraendosi all'aggressione. Ma pochi secondi dopo sarebbe sopraggiunto un infarto. Sono stati allertati i soccorsi, subito intervenuti per portare il malcapitato in ospedale. Era alle prese con diverse fratture, ma soprattutto con le conseguenze dell'assenza di ossigenazione al cervello per diversi minuti. Grande sconforto in Riviera quando la notizia si è diffusa, soprattutto tra la famiglia di Pampagnin: i due figli e la ex moglie.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento