menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova vita per la "Metro" di Marghera, store rivoluzionato: "Paradiso della ristorazione"

Taglio del nastro giovedì mattina per il punto vendita "Metro, la casa dell'Horeca", che si rivolge ai professionisti della ristorazione e dell'accoglienza: "Posti di lavoro salvi"

I posti di lavoro sono rimasti a lungo in bilico. Giovedì, però, per parte di loro si è sancita la ripartenza. Stesso posto, stesso marchio "Metro", ma store completamente trasformato. Alle 10 di mattina stato inaugurato il nuovo punto vendita di Marghera "Metro, la Casa dell'Horeca", che prende il posto della "Metro Italia Cash and Carry". La struttura di via Colombara si rivolge ai professionisti del Venezia, cambiando pelle in base ai diversi momenti di consumo del mondo della ristorazione e dell'accoglienza. "Metro continua a scommettere sulle potenzialità di questo territorio che, forte della sua vocazione turistica e della sua capacità di accoglienza, ogni giorno porta alta la bandiera della tradizione enogastronomica italiana con milioni di turisti italiani e stranieri", dichiarano i responsabili a 37 anni dall’apertura del punto vendita.

Alla cerimonia d’inaugurazione è intervenuto l’assessore allo Sviluppo Economico, Simone Venturini, che, insieme all’amministratore delegato di Metro Italia Claude Sarrailh e al responsabile Metro del territorio, Renzo Esposito, ha tagliato il nastro, dando il via ufficiale al nuovo punto vendita. “La scelta di Metro di restare a Venezia e di investire nel territorio è la prova di una grande alleanza – ha esordito l’assessore Venturini – che ha visto coinvolti l’amministrazione comunale e i vertici dell'azienda. Un lieto fine non scontato, fortemente ricercato dal sindaco Brugnaro e dalla giunta, che ha permesso di salvaguardare 60 posti di lavoro e ha consegnato ai tanti professionisti della ristorazione del nostro territorio, simpaticamente coinvolti anche nella campagna pubblicitaria, un servizio moderno e di qualità. Questa azienda, da anni presente nel veneziano, ha visto finire un ciclo ma ha saputo rinnovarsi e iniziarne uno nuovo, nel quale noi abbiamo creduto e che abbiamo sostenuto. L'occupazione non la creano i decreti legge ma le aziende. E' compito della politica sviluppare le condizioni affinché le imprese possano arrivare e investire a Venezia e questo sta accadendo”.

“Crediamo fortemente nell’unicità e nel valore di questo territorio – commenta Claude Sarrailh, amministratore delegato di Metro Italia Cash and Carry - Per questo vogliamo continuare a migliorarci, per essere al fianco degli imprenditori della ristorazione e dell’accoglienza di Venezia, e per supportarli al meglio nell’eccellente lavoro che ogni giorno svolgono”. La Casa dell’Horeca presenta novità rispetto alle tradizionali formule “self-service”, - come ad esempio la cella di frollatura del reparto carne, un servizio gratuito che consente di scegliere il taglio di carne e di ritirarlo una volta terminato il periodo di frollatura desiderato. Senza dimenticare la grande attenzione per i prodotti enogastronomici della tradizione Veneta. E ancora la pescheria, un vero e proprio “mercato ittico” con pesce fresco e vario ad ogni ora del giorno. Il tutto con la promessa del miglior prezzo sul mercato, tutti i giorni; e con la garanzia del bollo CE su tutta la filiera dei prodotti ad origine animale. 

Il punto vendita ospita, inoltre, la sesta Metro Academy d’Italia; ideata con la collaborazione di Claudio Sadler, chef stellato Michelin e direttore scientifico di Metro Academy. Metro offre la possibilità di approvigionarsi direttamente al proprio locale, sia in laguna che in terraferma, grazie al servizio di consegna “Metro fai da te”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento