menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manifestazione dei dipendenti Apt del 24 settembre scorso

La manifestazione dei dipendenti Apt del 24 settembre scorso

Apt e professionisti a forte rischio: "Sindaco dica ciò che intende fare"

Presentata un'interpellanza a Brugnaro per la tutela dell'azienda e dei posti di lavoro. Sono 40 i dipendenti del comparto turismo incerti del posto di lavoro

Un'interpellanza per salvare le professionalità dell'Apt, l'azienda di promozione turistica, è quella presentata al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro dai consiglieri comunali della Lista Casson, del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico. L'obiettivo è quello di sollecitare il primo cittadino a prendere dei provvedimenti, per scongiurare la chiusura dell'ente. Sono 40 i posti di lavori a rischio, professionisti la cui funzione, specie in un contesto di costante aumento dei flussi turistici a Venezia, è fondamentale per gestire al meglio l'accoglienza, i servizi di informazione e di assistenza.

Il portavoce dei consiglieri, Nicola Pellicani, sottolinea come attualmente il Comune non abbia ancora attivato l'organizzazione di gestione della destinazione prevista e Brugnaro non abbia ancora richiesto una proroga per la delega alla Provincia delle funzioni in materia di turismo, sebbene si fosse impegnato in tempi non sospetti. "Il lavoro svolto dai dipendenti Apt - sottolinea il consigliere - garantisce un indispensabile supporto per gli operatori del territorio e per gli enti locali ed è essenziale per le funzioni di statistica e le pratiche relative alle strutture extra alberghiere". Si tratta di un sistema commerciale assolutamente positivo, sottolinea Pellicani, dal momento che la Iat provinciale - la rete di informazioni e accoglienza turistica - "ha ricevuto oltre 620 mila contatti tra accessi diretti e contatti di rete solo nel 2013. Il tutto con incassi che si sono aggirati attorno ai 4,4 milioni di euro".

La richiesta è quella di agire in maniera rapida e concreta. "Il primo cittadino - ha spiegato il capolista della Lista Casson - deve dire con chiarezza cosa intende fare e come pensa di attivarsi per salvaguardare un sistema che peraltro permetterebbe una decongestione dell’attività degli uffici comunali ed una verifica più capillare delle eventuali irregolarità e violazioni delle normative vigenti, anche in tema di imposta di soggiorno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento