menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri senza scrupoli: davanti ai figli scippano le collane alle anziane

Due tentati scippi venerdì tra Zelarino e Trivignano. Una coppia di rom cerca di rendersi insospettabile grazie ai bambini sui sedili posteriori

Si prendono gioco della loro gentilezza. Aspettano che la vittima di turno si fermi per dare loro una mano, poi la derubano. O tentano di derubarla, come nei due casi (ma è possibile che ce ne siano altri) avvenuti tra Zelarino e Trivignano venerdì mattina. Si tratta di ladri senza coscienza che una volta che riescono a fermare un'anziana mettono in pratica un piano collaudato da chissà quante razzie simili.

Poco prima delle 11, infatti, una Audi station wagon di colore scuro, pare blu, si è arrestata a Zelarino. In via Visinoni. A bordo un uomo e una donna dall'aspetto zingaresco, dietro due bambini. Evidentemente loro figli. I furti quindi li perpetrano davanti agli occhi dei piccoli, che naturalmente faranno fatica poi a capire il confine tra ciò che è lecito e ciò che non lo è. Fatto sta che, secondo testimoni, a quel punto sarebbe stata fermata un'anziana. L'uomo sarebbe sceso e con una cartina in mano avrebbe iniziato a chiedere informazioni alla signora. Dopodiché avrebbe cercato di strappare la collana di dosso alla donna, senza riuscirci. A quel punto il piano era naufragato.

Ma la giornata di "lavoro" era solo all'inizio, tanto più che girare in auto con figli al seguito contribuirebbe ad allontanare i sospetti. Passano pochi minuti e la coppia torna in azione: stavolta a Trivignano, in una laterale della Castellana. L'attenzione di una signora di circa 80 anni sarebbe stata attirata stavolta dalla donna, che avrebbe cercato di rifilare alla vittima designata una collana in finto oro. Una patacca. "Vuoi provarla?", avrebbe chiesto (spesso utilizzano questa tecnica). Prima aveva sbandierato ancora una volta la cartina stradale, per indurre la donna ad ascoltarla. Dopodiché la colluttazione: la ladruncola avrebbe messo la collana fasulla al collo dell'ottantenne, cercando di strapparle quella vera. Entrambe nella concitazione sarebbero finite a terra, senza grosse conseguenze. Anche in questo caso, però, il furto non è riuscito. E alla famigliola in Audi, con targa pare straniera, non è rimasto altro che scappare prima dell'arrivo delle forze dell'ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento