Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Via degli Ancilotti, 23

Colpo da ko nell'occhialeria di Noale: fuga con oltre 300 pezzi, un bottino da 40mila euro

Il furto nella notte tra mercoledì e giovedì in via degli Ancilotti. Razziata un'intera parete espositiva. La titolare: "Danni ingenti, hanno preso i prodotti più costosi e più pregiati"

Un colpo molto ingente, che fa il paio con quello subito 5 anni fa. I ladri hanno colto fior da fiore nella notte tra mercoledì e giovedì razziando una completa parete all'interno del negozio "Occhiali di Barbara" di via degli Ancilotti a Noale. Sono poco più di 300 i pezzi trafugati, per un valore che si aggira sui 40mila euro, cui bisogna anche aggiungere l'importo dei danni causati dall'incursione dei malintenzionati.

Allarme alle 3.30

Il raid è scattato verso le 3.30 della notte, quando la sirena ha messo in allerta i vicini. Sul posto il prima possibile si sono fiondati i carabinieri, oltre che la titolare dell'esercizio, Barbara Celeghin: "Hanno forzato con un trapano la serratura di una porta secondaria - racconta - poi per entrare hanno scaraventato a terra un distributore del caffé e una boule per l'acqua. Hanno fatto molto rumore, ed è per questo che i residenti si sono svegliati". Il resto l'ha fatto la sirena, che ha fatto intuire che era in corso un furto. I ladri, più d'uno, sono stati anche fortunati: la boule si è rotta e l'acqua ha messo ko anche il sistema di videosorveglianza, che non avrebbe registrato alcunché di utile.

Bottino da 40mila euro

In ogni caso, una volta all'interno, i delinquenti hanno subito raggiunto la parete con gli occhiali più pregiati in esposizione e hanno razziato le mensole: RayBan, Randolph, Calvin Klein, Laura Biagiotti. Tutto sparito. "Hanno preso i più belli e costosi - sottolinea la titolare a inventario in corso - Alcuni li hanno rotti e li hanno lasciati per terra, ma si sono portati via molta merce". Al vaglio le telecamere di sorveglianza della zona, per capire con quale veicolo i banditi siano entrati in azione. I residenti non si sarebbero purtroppo accorti di presenze estranee, anche perché il raid con ogni probabilità è stato fulmineo. "Hanno agito proprio quando in questi giorni erano in corso dei lavori di manutenzione all'impianto elettrico e d'allarme - conclude la titolare - forse pensavano che fosse tutto staccato. Non era così, ma purtroppo non è servito". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo da ko nell'occhialeria di Noale: fuga con oltre 300 pezzi, un bottino da 40mila euro

VeneziaToday è in caricamento