menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Noale, ladri in due appartamenti nel pomeriggio: "Cassetti rovesciati, tutto all'aria"

Il fatto martedì intorno alle 18. I proprietari si sono resi conto dell'accaduto solo al loro rientro, hanno trovato le porte forzate e le stanze sottosopra. Indagini dei carabinieri

"Hanno messo tutto sottosopra, hanno rovesciato i cassetti, tolto i quadri dalle pareti, svuotato i barattoli del sale e del caffè. Ma non c'era nulla, cosa pensavano di trovare? Soldi in casa non ne tengo". A Marco, giovane noalese residente in un appartamento di via De Pol, tutto sommato è andata bene: martedì pomeriggio ha ricevuto la sgradita visita dei ladri, che però se ne sono andati a mani vuote. Disordine nelle stanze, probabilmente la serratura da sostituire. Lui non era in casa, gli intrusi hanno avuto tutto il tempo di rovistare ovunque ma senza risultato. Dal secondo appartamento sarebbe invece stato asportato qualche oggetto di valore, un pacchetto regalo contenente un orologio.

Di certo i malviventi (non è chiaro se uno o più) sono passati nel tardo pomeriggio, nelle ore in cui si fa buio e possono agire al riparo da occhi indiscreti. Hanno fatto ingresso da un portoncino al piano terra e sono saliti per le scale. Al primo piano ci sono le porte di ingresso a due appartamenti. Qui, facendo leva con un grimaldello, si sono aperti la via per entrare in entrambe le abitazioni. Sapevano che in casa non c'era nessuno, avevano probabilmente tenuto d'occhio la situazione nei giorni precedenti e si sono messi al lavoro quando le auto dei rispettivi proprietari non c'erano.

Marco si è reso conto dell'accaduto al suo rientro a casa, verso le 18.30. Ha trovato le porte forzate e le stanze a soqquadro. Dopodiché, avvertito anche il vicino di casa, sono stati chiamati i carabinieri, giunti sul posto per i rilievi del caso. Sono state sentite anche alcune persone residenti nei dintorni, che però non si erano accorte di nulla. Il sospetto del derubato è che i ladri abbiano compiuto un giro di ricognizione il giorno precedente, lunedì: "Dalla finestra ho notato una macchina ferma in strada - spiega - Un uomo ne è uscito, si è avvicinato e si è guardato intorno, poi è uscita la vicina del piano di sotto e lui se ne è andato in auto. Potevano essere loro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento