menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scorzè, lavoratore esterno della San Benedetto sorpreso a rubare nell'azienda

È successo nella notte tra giovedì e venerdì. Un 25enne è stato bloccato dai carabinieri in flagranza di reato. A incastrarlo le immagini delle telecamere, in casa aveva altra refurtiva

È stato sorpreso dai carabinieri nella notte tra giovedì e venerdì mentre stava lasciando lo stabilimento San Benedetto in auto con a bordo alcune tute da lavoro che non avrebbe dovuto avere. Un 25enne di nazionalità romena è finito in manette con l'accusa di tentato furto a Scorzè, dopo un controllo scattato nel sito industriale. A far scattare l'allerta è stato il personale interno di sicurezza, che avrebbe sorpreso tramite il sistema di videosorveglianza il giovane addetto a mansioni di facchinaggio (dipendente di una ditta esterna di logistica) mentre si impossessava del materiale tecnico.

In pochi minuti sul posto sono intervenute le pattuglie dei carabinieri, che hanno fermato il sospetto mentre cercava di allontanarsi. Inequivocabili gli indizi a suo carico, soprattutto quelli trovati nella sua abitazione nel corso dei successivi accertamenti. I militari dell'Arma, al termine della perquisizione domiciliare a Scorzè, hanno sequestrato merce per un valore di circa 2mila euro. Tra gadget e altro materiale specifico per il lavoro di operaio, si tratta sempre di refurtiva sparita dalla San Benedetto nei mesi scorsi, i cui furti erano stati denunciati alle autorità competenti. Per il facchino, oltre all'arresto, è quindi scattata una denuncia per ricettazione. Proseguono gli accertamenti dei carabinieri per capire a cosa o a chi fosse destinato quanto trafugato, mentre il 25enne venerdì mattina è comparso davanti al giudice per la direttissima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento