Cronaca Spinea / Via Antonio de Curtis

Spinea, per fuggire usa l'ascensore del palazzo: ladro fermato

Terzetto maldestro in azione in un condominio di via De Curtis, a pochi passi dalla caserma dei carabinieri. Hanno fatto talmente tanto rumore da insospettire i vicini

"Maldestro". Forse è dire poco, circa il ladro che ha usato l'ascensore per scappare dai carabinieri che lo stavano arrestando per furto. Con due complice aveva programmato un colpo in un condominio di Spinea. Anche qui, non si può dire che siano stati "professionisti". Erano le 5 di mattina di martedì quando una signora si era insospettita a causa dei rumori che provenivano dall'appartamento di fianco al suo, in via De Curtis. Sapeva che i proprietari erano partiti per le ferie, quindi, anche in ragione dell'escalation di casi negli ultimi giorni, aveva subito pensato che fossero dei ladri.

I carabinieri della stazione locale sono giunti sul posto immediatamente: la caserma è a pochi metri dalla palazzina. Visti i lampeggianti, i due complici, rimasti al piano terra a fare da palo, sono riusciti a darsela a gambe, facendo perdere le tracce. Scelta infelice per la fuga, invece, per il topo d'appartamento: tuffarsi dalla finestra non l'aveva convinto in pieno, così ha scelto l'ascensore. Ma all'apertura delle porte c'erano le divise. Dopo averlo immobilizzato, non senza difficoltà, il ladro è stato portato in caserma, dove sono scattati gli accertamenti. Si tratta di un 36enne di origine ceca. E' stato accusato di furto e resistenza a pubblico ufficiale. Come spiega Il Gazzettino, i due complici sarebbero fuggiti con alcuni gioielli e qualche banconota. L'unico arrestato è finito in carcere, a Santa Maria Maggiore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spinea, per fuggire usa l'ascensore del palazzo: ladro fermato

VeneziaToday è in caricamento