menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La lotta agli abusivi si vince informando": campagna ad hoc tra Venezia e litorale

Presentata mercoledì in prefettura un'iniziativa che coinvolge tutti gli enti locali. Si chiedono rinforzi a Roma in vista dell'estate. Attenzione massima sui luoghi sensibili

Milioni di turisti, con ogni probabilità in aumento rispetto allo scorso anno (il 2016 ha segnato un +5,38% rispetto all'anno precedente). Di conseguenza anche tanti malintenzionati che lucrano sulle presenze dei visitatori a Venezia e nel litorale nel periodo estivo. Per questo mercoledì mattina si è svolta una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica cui hanno partecipato anche i sindaci delle località turistiche veneziane, oltre che i vertici delle forze dell'ordine e l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Roberto Marcato.

RINFORZI SUL TERRITORIO - In primis è stato deciso di chiedere fin da subito rinforzi tra gli uomini in divisa a Roma, per fronteggiare borseggiatori e venditori abusivi, oltre al resto dei reati tipici dei luoghi affollati. Nei prossimi giorni si svolgerà un tavolo tecnico, coordinato dal questore Angelo Sanna, per mettere a punto un piano straordinario di controllo del territorio. Ascoltando anche le peculiarità di ogni Comune balneare.

CAMPAGNA INFORMATIVA AD HOC - Nel mirino borseggi e venditori abusivi, cui si tenta di mettere i bastoni tra le ruote "educando" anche i turisti: sarà distribuito nei prossimi giorni, con l'aiuto delle associazioni di categoria, diverso materiale informativo (specie in corrispondenza delle porte d'ingresso di Venezia e nei punti di riferimento principali delle altre località) per spiegare ai visitatori il danno che si causa all'economia locale nell'acquistare prodotti contraffatti. Sottolineando anche che si rischiano multe da 100 euro fino a 7mila euro e si dà una mano alla criminalità organizzata. Si tratta di un'iniziativa che coinvolge la Regione, la città metropolitana, Ca' Foscari e gli altri enti locali.

volantino-3

I NUMERI - Sul fronte dell'attività di contrasto, nel 2016 sono stati svolti dalle forze dell'ordine e dalle polizie locali di Venezia, Caorle, Cavallino-Treporti, Chioggia, Eraclea, Jesolo e San Michele al Tagliamento 4.259 servizi antiabusivismo. Sono state denunciate 451 persone, elevate 3.563 sanzioni amministrative, effettuati 3.914 sequestri di cui 345 penali, per un totale di merce sequestrata pari a 3.250.065 pezzi.

CONTROLLI SU ALLOGGI IN AFFITTO - Si stingeranno le maglie dei controlli anche sugli alloggi affittati a turisti, anche per contrastare l'evasione della tassa di soggiorno e per accertarsi che tutte le presenze vengano comunicate alla questura. Sia sul fronte antiterrorismo, sia per prevenzione dal rischio di infiltrazioni mafiose: soprattutto nei territori dei Comuni balneari, dove insistono numerose attività imprenditoriali e commerciali sottoposte a regime autorizzatorio, il prefetto Carlo Boffi ha sottolineato la necessità che da parte dei sindaci venga richiesta alla Prefettura l'informativa antimafia. Anche per agevolare eventuali successivi controlli.

CONTROLLI ANTITERRORISMO - In vista del 25 aprile e del 1 maggio, oltre che della Pasqua, è stata decisa infine l'intensificazione dei servizi di vigilanza e sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti a rischio. A Venezia sarà coinvolta anche la polizia locale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento