menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta alla contraffazione, Comune in prima linea contro i "tarocchi"

Il commissario Vittorio Zappalorto ha firmato venerdì mattina un protocollo ad hoc per promuovere azioni contro questa "piaga" illegale

Un protocollo in più contro la contraffazione, una piaga che interessa non solo il centro storico, ma anche la terraferma (visto che negli ultimi tempi in più occasioni le forze dell'ordine hanno scoperto depositi di merce irregolare tra Mestre e Marghera). Venerdì mattina, dunque, con i poteri della Giunta, il commissario straordinario Vittorio Zappalorto ha approvato una delibera con cui il Comune di Venezia ratifica la sottoscrizione di Ca' Farsetti del cosiddetto "protocollo d'intesa per la lotta alla contraffazione e alla pericolosità dei prodotti a tutela della concorrenza leale e della sicurezza e salute dei consumatori".

Con questa ratifica si promuovono "azioni di contrasto" alla produzione e all'immissione sul mercato di prodotti contraffatti e dannosi per la salute perché prodotti in barba alle norme di sicurezza. Naturalmente lo scopo è anche tutelare i commercianti onesti, costretti a combattere contro chi vende prodotti a prezzi notevolmente più bassi. Un circolo vizioso che si ripercuote poi anche sullo Stato, in termini di evasione dell'Iva e delle imposte sui redditi. Si tratta di un protocollo cui avevano già aderito Regione, Provinca, Camera di commercio e altri Comuni capoluogo. Oltre che le Università di Venezia, Verona, Padova, le associazioni di categoria, dei consumatori e i sindacati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento