«Si continua a far lezione al freddo», studenti fuori dalla scuola per protesta

Mercoledì la mobilitazione, giovedì l'assemblea: «Vorremmo essere ascoltati nel merito»

Manifestazione studentesca all'Algarotti

Ci sono di nuovo alcune aule fredde all'Algarotti mercoledì mattina. Gli studenti rispondono con una mobilitazione. Interrompono le lezioni, indossano i giubbotti e si riversano in fondamenta a migliaia, «stufi della situazione vergognosa in cui si trovano le classi. Rivendichiamo la necessità di poter svolgere le attività didattiche in condizioni adeguate e senza la paura che possa caderci qualcosa in testa», come si è già verificato al liceo Marco Polo di Venezia.

Problemi che tornano

«Questi problemi ci sono da anni e puntualmente si ripetono durante il periodo invernale», commentano. «Abbiamo voluto prendere la parola oggi: il malfunzionamento dei termosifoni è solo un esempio, ma i problemi di edilizia scolastica sono vari e diversificati e li sentiamo tutti i giorni sulla nostra pelle». Quindi hanno dato luogo a un'assemblea sottolineando la necessità, a loro avviso, di maggiori finanziamenti destinati alla manutenzione delle scuole e destinati all'edilizia scolastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assemblea

«Non è insubordinazione - tornano a dire gli studenti che chiedono di essere ascoltati nel merito delle questioni - Siamo rimasti allibiti di fronte al comportamento della preside che alla protesta ha risposto con minacce e terrorismo psicologico. Se deciderà di punire centinaia di studenti perché hanno sollevato un problema, dovrà rendere conto di fronte a tutta la scuola di un atto di intimidazione e repressione». Giovedì alle 16.30 all'officina del gusto di via Paolo Sarpi molti ragazzi di altre scuole di Venezia e Mestre hanno preso parte all'assemblea del coordinamento «per organizzarci e affrontare insieme i problemi che ovunque viviamo ogni giorno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Tragedia in A27: perde il carico, scende a recuperarlo e viene travolto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento