menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una serra di marijuana sul tetto della scuola materna: giovani coltivatori in manette

La scoperta dei carabinieri di Mirano, sorpresi per la curiosa collocazione delle piante. Importante la segnalazione dei residenti, che hanno contattato a più riprese il 112

Un luogo sicuro per non essere scoperti? Quello più insospettabile. I carabinieri di Mirano, nella notte tra mercoledì e giovedì, hanno arrestato due giovani, C.C., 18enne salese, e P.B, 20enne di nazionalità moldava, per il reato di  produzione di stupefacenti. I ragazzi, pensando di non dare nell'occhio, avevano avviato la coltivazione di piante di marijuana in un posto che ritenevano, probabilmente, impensabile per chiunque: il tetto di una scuola materna.

LO "STUPORE" DEI MILITARI

Le segnalazioni alle forze dell'ordine hanno cominciato a farsi sempre più insistenti, per un costante viavai dall'asilo Maria Bambina di Caselle, località di Santa Maria di Sala. Nella fattispecie, i militari non hanno sottovalutato il fatto che proprio il tetto dell'edificio, piuttosto basso e quindi dal facile accesso, sarebbe stato oggetto di strani "pellegrinaggi". La prima verifica ha sorpreso anche i carabinieri locali, che non avrebbero mai pensato di trovare, sopra la copertura della scuola per l'infanzia, una ventina di piante di marijuana.

Il passo successivo è stato quello di organizzare un servizio specifico di monitoraggio, per cogliere "in castagna" gli improvvisati coltivatori: detto fatto, nel corso della notte una coppia di giovani è entrata furtivamente nel cortile della scuola, si è arrampicata sulla tettoia e ha poi raggiunto il tetto dell'edificio, dove avevano posizionao le piante a mo' di serra. Il tutto, ovviamente, all'insaputa della direzione dell'asilo.

PERQUISIZIONI DOMICILIARI

Immediato è stato l'intervento dei carabinieri, in grado di fermare i giovani coltivatori prima che potessero tentare una fuga inutile. Di fronte all'evidenza, non hanno potuto far altro che ammettere le proprie colpe. I controlli dei militari, ad ogni modo, sono poi continuati anche nelle abitazioni dei due ragazzi: a seguito di perquisizione, gli uomini in divisa hanno trovato fertilizzanti per la coltivazione, nonché 350 euro in contanti, segno che l'attività era ormai avviata. Per i due delinquenti dal pollice verde sono scattate le manette, in attesa della direttissima. La droga è stata sequestrata, mentre proseguono le indagini dei carabinieri, per scovare eventuali complici e capire la portata della rete di spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento