Escursionista scomparso, i cani molecolari restringono l'area di ricerca

Mattia Bon, 45enne di Spinea, non dà sue notizie da mercoledì. I cani hanno condotto i soccorritori verso il Col dei Mughi

Sono riprese questa mattina le ricerche di Mattia Bon, 45enne di Spinea scomparso mercoledì durante un'escursione a Sappada (Udine). Il lavoro di soccorso alpino, vigili del fuoco e guardia di finanza, supportati da due cani molecolari, ha permesso di restringere l'area di ricerca del disperso, dopo che le perlustrazioni di ieri si erano concluse con un nulla di fatto.

Ristretta l'area di ricerca

I segnali recepiti dai cani in mattinata hanno condotto i soccorritori al Col dei Mughi, verso cui si distacca una traccia di sentiero secondaria non segnata sulle carte e che porta ad un balcone panoramico verso Sappada. Da qui si apre un versante con tratti ripidi, salti e molta vegetazione composta prevalentemente da pini mughi, terreno difficile da percorrere e scarsa visibilità.

Mattia Bon scomparso da mercoledì

L'uomo era partito mercoledì mattina da Sappada, dove era in vacanza, per raggiungere il rifugio De Gasperi, sopra la Val Pesarina, ma al rifugio non è mai arrivato né è più rientrato a casa. Il telefono del veneziano non è più raggiungibile da mercoledì, quando i parenti, a partire dal pomeriggio, hanno cercato di mettersi in contatto con lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento