menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una vita al fianco dei poveri: si è spenta suor Claudiana D'Este, missionaria "batalhadora"

Originaria di Scorzè, ha vissuto oltre 40 anni tra le favelas sudamericane. Se ne va una donna "con la fibra di un guerriero e la tenerezza di una mamma"

Finisce dove tutto ha avuto inizio, tra l'affetto dei suoi cari. La salma di suor Claudiana, all'anagrafe Maria Bruna D'Este, è tornata in Italia lunedì mattina dall'Ecuador, accolta in aeroporto dalla nipote Annarita. Un ultimo, lungo viaggio per riportare a casa la batalhadora di Scorzè: qui, dopo il funerale, troverà sepoltura accanto ai genitori e a uno dei fratelli, secondo le volontà che lei stessa aveva espresso. Ma il suo è un viaggio durato una vita intera, un'esistenza trascorsa sempre in movimento e al servizio dei bisognosi.

Aveva deciso di andare in missione in sud America per questo, perché sentiva la necessità di fare qualcosa di concreto per gli altri. La famiglia ricorda bene quanto era dinamica e intraprendente questa donna minuta ma dotata di grande forza. Dolce eppure determinata, vicina agli umili e pronta a bussare alle porte di chi contava per ottenere appoggio nella sua eterna lotta. Per questo si era meritata il soprannome di "donna battagliera". «Ha dato la vita per il bene comune», raccontano i suoi cari. Non è un modo di dire: per più di 40 anni si è dedicata ai disgraziati e agli ultimi, tra le favelas e le carceri, aiutando donne, bambini con disabilità, persone che vivevano in condizioni di povertà estrema. Era stata in Ecuador, poi in Argentina, in Brasile in Mato Grosso. A 77 anni era ancora così attiva ed energica da essere richiesta ancora in Ecuador, dove si è nuovamente trasferita. E lì aveva detto di voler concludere la sua vita, in missione come sempre.

Claudiana si è spenta il 3 gennaio a 80 anni, a Quito, dopo una breve malattia. Dandosi da fare fino all'ultimo. Non aveva dimenticato la sua famiglia: cresciuta in via Canove a Scorzè, penultima di nove fratelli e sorelle, tornava ogni tre o quattro anni in Italia a trovare i suoi cari. Aveva preso i voti a vent’anni, era entrata a far parte dell'ordine di San Francesco di Sales. In Brasile scrissero di lei: "Parla tutto misto: italiano, spagnolo, portoghese. Ha 73 anni, ma danza, salta, passeggia e si comporta come un'adolescente. Ha costruito una cappella su una collina in onore di Santa Luzia e mentre a molti giovani serve più di un'ora per arrivarci, Claudiana raggiunge la cima in pochi minuti. Ha la fibra di un guerriero e la tenerezza di chi sperimenta la maternità. Distribuisce cesti alimentari ogni mese, per le famiglie svantaggiate per fortuna. È incredibile!". I funerali avranno luogo mercoledì 20 gennaio alle 15 nella chiesa arcipretale di Scorzè.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento