menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mose, stop alle squadre di presidio e dighe ferme da maggio a settembre

Durante l'estate proseguiranno i lavori del Cvn per completare gli impianti

È sospeso da ieri, 1 aprile, il servizio delle squadre di presidio semipermanente del sistema Mose, decisione presa in virtù dell'arrivo della bella stagione e quindi della scarsa probabilità che si verifichino acque alte rilevanti. Resta comunque la possibilità di azionare le dighe mobili in caso di emergenza, almeno fino alla fine del mese: come comunicato dal commissario dell'opera, infatti, «è previsto, qualora si prospettasse una situazione non programmata o non programmabile, con eventi meteomarini sfavorevoli, che sia garantito l'eventuale sollevamento delle barriere del sistema».

Questo, come detto, vale fino alla fine di aprile: da maggio a settembre, invece, non sarà più possibile attivare le paratoie per eventi non programmabili. La "pausa" consentirà al Consorzio Venezia Nuova di dare «un significativo impulso» al completamento degli impianti per permettere di concludere definitivamente i lavori della grande opera, che dovrebbe essere consegnata a inizio 2022. La fase di sperimentazione, avviata a ottobre 2020, ha permesso per tutto il periodo autunno-inverno di mantenere Venezia all'asciutto, almeno in condizioni di marea sostenuta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento