rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Moto ondoso: esposto per bloccare i vandali e impedire altri disastri

È stato firmato dal presidente della Canottieri Giudecca per chiedere a forze dell'ordine di intervenire, applicando le norme sulla sicurezza di navigazione

Il problema del moto ondoso sembra essere stato messo da parte, in attesa di tempi migliori. Ma i vandali continuano a prendere di mira la laguna, devastando senza soluziuone di continuità i fondali e le rive cittadine. Con gli interventi repressivi che si limitano alla "superficie".

Secondo quanto riporta il Gazzettino, è partito un esposto a tutte le forze dell'ordine e alla porcura, oltre che al Comune, per richiedere l'applicazione delle norme esistenti in fatto di sicurezza della navigazione. L'obiettivo è di bloccare sul nascere possibili nuovi disastri. Il documento, firmato da Pier Maria Barbaro, presidente della Canottieri Giudecca, mette in luce come vi sia stata un'intensificazione notevole del traffico da e per San Clemente e Sacca Sessola, in contemporanea all'apertura dei nuovi alberghi. Ciò che è palese, è che il traffico acqueo si sia intensificato per la spinta propulsiva del turismo.

Nel documento, Barbaro spiega come siano stati fatti dei tentativi di dialogo con i direttori degli alberghi, senza avere uno "straccio" di risposta. Risposta che dovrebbe consistere nella repressione, e non soltanto nelle multe comminate alle famiglie veneziane che fanno le gite in laguna. Il moto ondoso nel canale della Giudecca, nel bacino di San Marco e alle Fondamente Nuove, infatti, è causato in primis da taxi, noleggi e trasportatori e granturismo. Ecco perché serve uno sforzo straordinario, come specifica il presidente della Canottieri, in attesa di misure strutturali, quale il gps obbligatorio per i taxi e la limitazione della potenza dei motori. Le multe ai residenti non sono la risposta voluta e, soprattutto, la contromisura più efficace.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moto ondoso: esposto per bloccare i vandali e impedire altri disastri

VeneziaToday è in caricamento