Lavoro nero in un negozio di abbigliamento: denuncia e multa

Controlli dei carabinieri assieme agli ispettori del lavoro a San Donà di Piave. Sanzioni fino a 50mila euro

Il proprietario di un negozio di abbigliamento in centro a San Donà è stato denunciato e multato in seguito a delle irregolarità scoperte qualche giorno fa dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro e dai colleghi della compagnia locale.

I militari hanno svolto accertamenti relativi a legislazione sociale, sicurezza, salute ed igiene sui luoghi di lavoro. Al momento del controllo, nell'esercizio stava lavorando una commessa priva di contratto di lavoro: la donna prestava servizio nell'attività dai primi di ottobre, ma non c'era stata alcuna comunicazione preventiva di assunzione, né contratti o coperture assicurative. Inoltre il proprietario non aveva provveduto agli obblighi sulla valutazione dei rischi aziendali, la formazione/informazione sulla sicurezza del personale, l'installazione di un impianto antincendio.

Al negozio è toccato anche un (breve) provvedimento di sospensione dell’attività, poi revocato il giorno successivo a seguito di regolarizzazione della lavoratrice. Le violazioni amministrative e penali riscontrate prevedono la contestazione di sanzioni per un importo complessivo di 50mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento