menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il netturbino suona alla porta, ma uno su cinque ha lasciato ancora il sacchetto fuori

E' iniziata la nuova raccolta dei rifiuti a Santa Croce e San Polo, sul modello Dorsoduro. Il 20% dei cittadini, però, lunedì non ha rispettato le procedure. Ispettori Veritas al lavoro

Uno su cinque lunedì mattina ha lasciato ancora il sacchetto della spazzatura fuori dalla porta. La "rivoluzione dei rifiuti" si è allargata anche ai sestieri di Santa Croce e di San Polo, dopo la prima sperimentazione a Dorsoduro. Anche qui residenti e commercianti sono stati invitati a tenere in casa la spazzatura fino all'arrivo dell'operatore Veritas, che è tornato a suonare il campanello come nei decenni addietro. In alternativa sono state predisposte delle imbarcazioni ad hoc dove ognuno, prima delle 8.30, può conferire i propri scarti. 

Ora si è in piena fase di rodaggio. Per questo durante la prima mattinata della sperimentazione circa il 20% degli utenti, secondo Veritas, ha lasciato il sacchetto fuori dalla porta. Come se non fosse cambiato nulla rispetto alla scorsa settimana. Non è così. Per questo la multiutility veneziana in questi giorni "sguinzaglierà" sul territorio i propri ispettori. All'inizio soprattutto per sensibilizzare i cittadini sulle nuove modalità di raccolta (obiettivo diminuire in maniera sensibile la presenza di pantegane e gabbiani per le calli, oltre che garantire un migliore livello di igiene), dopodiché scatteranno le multe. Specie per i più "recidivi". Si tratta di sanzioni da 167 euro che potrebbero essere comminate a chi tra gli 11mila interessati dal cambiamento dimostrasse più malafede che disattenzione. In ogni caso lo scenario è destinato a migliorare in modo sensibile nei prossimi giorni. Alcuni residenti hanno chiesto che le imbarcazioni Veritas possano rimanere in funzione anche oltre le 8.30, per garantire una maggiore elasticità d'orario. Si vedrà se la richiesta sarà accolta o meno. 

"A Dorsoduro, dove questo sistema è già in vigore, è diminuito il numero di gabbiani e topi, aumentando di conseguenza la pulizia e la vivibilità dell’area ed è cresciuta la percentuale di raccolta differenziata, fino ad arrivare al 40%", aveva dichiarato Veritas nei giorni scorsi in una nota. Le barche "ad hoc" stazioneranno a Rialto (mercato), San Silvestro (vicino al pontile Actv); campiello del Remer; San Stin (nei pressi del campo); fondamenta Minotto (Hotel sole); fondamenta dei Tolentini; rio Novo (rio terà dei Pensieri); riva de Biasio; San Stae (entrambe vicino al pontile Actv); fondamenta Riva dell’Olio (calle dei Botteri). Il calendario di raccolta non cambia: rifiuto residuo da lunedì a sabato (escluse le domeniche e i festivi); lunedì, mercoledì e venerdì carta cartone e Tetra Pak; martedì, giovedì e sabato vetro plastica e lattine

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento