menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cominciano i saldi, ma sono già vecchi. "2 negozi su 3 sgarrano"

Un'indagine di Adico dice che a Mestre due terzi delle attività iniziano a fare sconti in anticipo sulla data ufficiale. Budget delle famiglie sempre più ridotto

Si parte con i saldi. Dal 3 gennaio scatta la corsa agli affari nei negozi, e a riporre speranza nei prossimi due mesi di acquisti sono sia le famiglie sia i commercianti. Il via è stato dato leggermente in anticipo rispetto agli anni passati, per includere nel periodo di sconti alcuni giorni prefestivi e un ponte, quello di lunedì, che dovrebbero favorire lo shopping.

Dureranno fino al 28 febbraio, e seguono un periodo natalizio decisamente poco proficuo per il commercio: a Mestre, secondo Confesercenti, la flessione dei consumi rispetto al già disastroso 2013 sarebbe stata di un ulteriore 5%. E il budget a disposizione delle famiglie sarebbe sempre più basso, quest'anno compreso tra i 150 e i 300 euro.

Eppure, secondo un monitoraggio dell’Adico, molte attività commerciali "barano": due negozi di calzature e abbigliamento su tre, a Mestre, già da settimane propongono gli sconti alla cassa pure ai clienti non fidelizzati. Perché ormai i saldi sono una corsa corsa contro il tempo, sia da parte dei negozianti che da parte delle famiglie: fatto sta che, inevitabilmente, gli sconti anticipati rappresentano concorrenza sleale per chi non li applica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento