Pestaggio di Jesolo, si presenta spontaneamente ai carabinieri il quarto aggressore

Il giovane, anch’egli poco meno che trentenne, a sua volta jesolano, incensurato e con lavoro, forse convinto di poter essere a sua volta identificato ha deciso di presentarsi volontariamente ai militari

Nel tardo pomeriggio di sabato 4 luglio presso il Comando Compagnia Carabinieri di San Donà di Piave si è presentato spontaneamente, assistito dal proprio legale, il quarto giovane autore del pestaggio verificatosi a Jesolo la notte del 2 luglio.

La vicenda

Il giovane, anch’egli poco meno che trentenne, a sua volta jesolano, incensurato e con lavoro, forse convinto di poter essere a sua volta identificato ha deciso di presentarsi volontariamente ai militari fornendo, dopo essere stato formalmente indagato, la propria versione dei fatti che è stata trasmessa all’Autorità Giudiziaria che sta coordinando le indagini. Anche per lui l’accusa contestata è di lesioni personali gravissime in concorso. La vittima, il 38enne tunisino, si trova ancora in ospedale in prognosi riservata e in pericolo di vita presso il reparto di rianimazione dell’ospedale dell’Angelo di Venezia-Mestre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Contagi, Zaia: «Troppi assembramenti, non posso gestirli io con le ordinanze»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento