Cronaca Jesolo

Portato in aeroporto per il rimpatrio, lungo il tragitto sfascia il vetro della volante

Un 19enne con precedenti per spaccio è stato bloccato a Jesolo e inviato al Cpr di Caltanissetta

Tutto è iniziato da un normale controllo eseguito a notte fonda da un equipaggio della polizia in piazza Mazzini, a Jesolo. Un giovane ragazzo, che stava camminando da solo, è stato trovato senza documenti e quindi portato in commissariato per l'identificazione. Così è emerso che a suo carico c'erano numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e possesso di stupefacenti; non solo, perché D.H., tunisino di diciannove anni, è risultato anche inottemperante a diverse espulsioni adottate in precedenza nei suoi confronti.

A quel punto il commissariato ha preso contatti con l’ufficio immigrazione di Venezia e organizzato l’accompagnamento dello straniero al Cpr (centro di permanenza per il rimpatrio) di Pian del Lago, in provincia di Caltanissetta. Durante il tragitto verso l'aeroporto di Tessera il giovane si è infuriato e ha preso a calci il finestrino posteriore della volante, rompendolo. Questo non ha cambiato le cose: è stato imbarcato su un aereo partito alle 16 in direzione della Sicilia, con in più una denuncia per lesioni, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portato in aeroporto per il rimpatrio, lungo il tragitto sfascia il vetro della volante

VeneziaToday è in caricamento