Estorsione a Mestre: quattro arrestati alla consegna dei soldi

L'operazione, portata a termine dalla squadra mobile, è partita dalla denuncia della vittima

Questura di Venezia (archivio)

Un tentativo di estorsione è stato sventato dalla polizia nella giornata di giovedì: la squadra mobile di Venezia ha svolto una veloce indagine a partire dalla denuncia della vittima, un anziano residente del posto, che pochi giorni fa si era presentato di persona in questura. Così gli investigatori hanno organizzato la trappola e si sono presentati all'appuntamento fissato per la consegna del denaro, nei pressi del centro di Mestre.

Gli agenti, in borghese, si sono appostati nelle vicinanze del punto concordato. Sono riusciti a documentare, anche con telecamere, il passaggio dei soldi, 3.500 euro in contanti (una piccola parte dei 30mila pattuiti), e in quello stesso momento sono intervenuti, arrestando gli estorsori in flagrante. Si tratta di quattro persone, una delle quali minorenne, tutte di etnia rom e senza fissa dimora. I tre maggiorenni, su disposizione del giudice, sono stati portati in carcere; il minore, invece, al centro di prima accoglienza di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto ricostruito dai quotidiani locali (ma le indagini sono ancora in corso), l'episodio sarebbe la fase conclusiva di un ricatto che era stato progettato dagli estorsori (un'intera famiglia composta da padre, madre, figlio maggiorenne e figlio sedicenne) ai danni di un settantenne del posto: avrebbero preteso i soldi per mantenere il silenzio su una relazione che c'era stata tra l'anziano e uno dei figli. La vicenda sarebbe iniziata alcuni mesi fa, proseguendo con una o più occasioni in cui i due avrebbero avuto dei rapporti sessuali. Dopodiché la famiglia avrebbe chiesto denaro al mestrino in cambio del silenzio, ma lui ha deciso di rivolgersi alla polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento