menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina armata all'Eurospar di San Donà: coppia di banditi in fuga con i soldi

Il colpo nel pomeriggio di martedì nel centro commerciale di via del Centenario. Con ogni probabilità i ladri erano in possesso di armi giocattolo. Sono riusciti a scappare

Sono entrati all'interno del supermercato Eurospar di San Donà di Piave di via del Centenario e hanno intimato ai presenti di farsi consegnare i soldi. Con ogni probabilità la coppia di banditi che ha colpito il centro commerciale aveva in mano armi giocattolo, fatto sta che nel bel mezzo della rapina, perpetrata nel pomeriggio di martedì, quelle armi hanno costituito una minaccia sufficiente a farsi consegnare i soldi. I delinquenti, poi, una volta preso il bottino, hanno fatto dietrofront e sono scappati. Contattata, la direzione del centro commerciale non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Tutto è iniziato poco prima delle 17, quando i due banditi, con il volto travisato da passamontagna, hanno fatto irruzione nel supermercato. Non hanno perso tempo: si sono diretti subito verso due cassiere e hanno puntato le rispettive pistole contro di loro. Le aggredite hanno consegnato i soldi che si trovavano all'interno di due registratori di cassa, pari a 600 euro. A quel punto la coppia ha messo tutto in una busta di plastica ed è corsa all'esterno, dove ad attenderli c'era una Citroen C3. E' probabile che al volante ci fosse un complice, per fare da "palo" e per ridurre al massimo i tempi della rapina. La stessa auto, risultata rubata nei giorni scorsi (denuncia di furto è stata presentata il 5 settembre ai carabinieri di Santo Stino di Livenza) è stata trovata dai carabinieri del Norm di San Donà a un paio di chilometri di distanza dal supermercato. I militari hanno raggiunto il luogo delle "operazioni" in pochi minuti.

Il veicolo è stato posto sotto sequestro per ulteriori accertamenti, al pari di una parte della pistola che uno dei banditi aveva in mano. Andata persa durante la rapina. Per questo evidentemente le forze dell'ordine sono sicure che si tratti di un'arma fasulla. I rapinatori durante l'assalto avrebbero tradito un accento meridionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento