menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro estetico rapinato

Il centro estetico rapinato

Rapina lampo al centro estetico "Mi ha puntato il coltello in pancia"

Un malvivente con passamontagna martedì ha aggredito la dipendente 24enne dell'esercizio di via Tintoretto a Spinea: "Minuti interminabili"

"L'ho guardato negli occhi, poi ho visto quel coltello da macellaio e ho capito". Rapina lampo martedì sera poco prima delle 20 a Spinea, in un centro estetico di via Tintoretto. Un malvivente solitario è entrato nell'esercizio con un coltello dalla lama di una ventina di centimetri e l'ha subito puntato contro S.V., 24enne dipendente dell'esercizio. Ancora il terrore nello sguardo. "Mi ha detto subito di dargli i soldi - racconta la giovane - io ho gli ho detto che poteva prendere quello che voleva, basta che se ne fosse andato subito".

Il delinquente, con passamontagna a coprirgli il volto, felpa con cappuccio rossa e pantaloni chiari, ha parlato senza accenti stranieri. I modi inesperti di chi è alle prime armi. "La porta d'ingresso era socchiusa perché stavo lavando il pavimento - racconta la malcapitata - a un certo punto ho visto una persona fermarsi davanti per alcuni momenti. Poi è entrata". All'inizio, anche per l'atteggiamento quasi goffo del rapinatore, alla ragazza sembrava uno scherzo.

ANCORA ANZIANE RAPINATE IN CENTRO A MESTRE

"Non avevo capito - spiega - tanto che l'ho guardato negli occhi scuri senza sapere che dire". L'incertezza, purtroppo, è durata molto poco. Il bandito ha infatti puntato il coltello alla pancia della giovane, facendo il giro del bancone. Lei è stata costretta a indietreggiare rimanendo "prigioniera". Alle sue spalle la vetrina dell'esercizio, a sinistra la cassa e a destra una parete. Era in trappola. Quel coltellaccio a pochi palmi dall'addome.

"Le sue mani tremavano - ricorda S.V. - tanto che gli ho dato una mano a raccogliere le monete sul tavolo. Non sembrava certo uno abituato a fare cose del genere". Una volta ottenuti i soldi, per un bottino di circa 600 euro, il rapinatore si è girato e se n'è andato. A piedi. Era alto, magro e con una voce ancora non da adulto. Nessun rumore di motori nelle vicinanze. Ma è possibile che un complice lo aspettasse appena girato l'angolo per tagliare la corda. Sul posto i carabinieri della stazione locale, che hanno pattugliato il quartiere subito dopo il colpo. Del rapinatore però nessuna traccia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento