Nuova vita per Corso Silvio Trentin che avrà un'isola pedonale

I lavori cominceranno martedì 18 novembre e prevedono un investimento da parte dell'amministrazione comunale di un milione e 200mila euro

Mercoledì 18 novembre partiranno i lavori di riqualificazione di Corso Silvio Trentin a San Donà di Piave: con il rinnovo e la completa ripavimentazione dell’area pedonale verrà ridisegnata l’estetica della zona, che andrà a dialogare più armoniosamente con Piazza Indipendenza e con l’area pedonale "storica".

I lavori di restyling

Si tratta di un investimento complessivo di 1 milione e 200mila euro, per un progetto atteso dalla cittadinanza e bloccato dai vincoli imposti dalla Soprintendenza. I lavori inizialmente riguarderanno il tratto di Corso Silvio Trentin compreso tra via del Campanile e via Battisti; successivamente interesseranno l’area dell’incrocio con via Battisti. La prima tranche delle attività, nello specifico, sarà focalizzata sul tratto centrale dell’area pedonale, che verrà messa in sicurezza (garantendo il transito pedonale lungo gli attuali marciapiedi) e dove inizialmente si procederà con il completo rifacimento dei sottoservizi e della condotta fognaria. Si tratta della fase più delicata e che potrebbe quindi essere soggetta a imprevisti o ad altre criticità. L’obiettivo dell'amministrazione è comunque quello di completare le attività e riaprire l’area, totalmente rinnovata, con la fine della primavera.

La pavimentazione dell’area sarà in porfido con varie lavorazioni, con due fasce laterali in materiale chiaro che ospiteranno le caditoie e manterranno il disegno, voluto dalla Soprintendenza; sono anche previste alcune colonnine elettriche a scomparsa, che potranno essere attivate in caso di eventi o altre necessità per connettersi alla rete elettrica; un ulteriore segno di vicinanza alle attività commerciali della zona.

«Stiamo lavorando non solo per ridurre le tempistiche, - spiegano dall'amministrazione comunale - ma anche per limitare gli inevitabili disagi connessi con il cantiere: gli scorsi giorni c’è stato un incontro con i pubblici esercizi della zona che usufruiscono degli spazi esterni, durante il quale sono state cercate soluzioni per agevolarne le attività, come lo spostamento delle aree da adibire a plateatico nelle vicine Piazza Indipendenza e Piazzetta Trevisan e l’utilizzo di casette di legno dell’Amministrazione come punti di appoggio al servizio. Per i residenti e le attività che hanno il garage nella zona, si stanno invece predisponendo dei pass, per dare la possibilità di parcheggiare gratuitamente in tutto il centro urbano».

Nuova viabilità nei pressi delle scuole

Dall'amministrazione di San Donà fanno anche sapere che da lunedì 9 novembre l'area circostante le scuole Rodari e Carducci sarà interessata da una nuova viabilità, per mettere in sicurezza in area nella quale girano troppi veicoli. «Un intervento in risposta alle richieste di tante famiglie, esasperate dalla velocità troppo elevata che taluni veicoli tenevano anche in prossimità delle scuole», spiega l'assessore alla Sicurezza Walter Codognotto.

Da lunedì, via Orcalli (tratto compreso tra via Prampolini e via Follerau) resterà chiusa al traffico veicolare dalle 7.40 alle 8.20 quindi da via Prampolini non sarà più consentito l’accesso; nello stesso orario chiuderà al traffico anche via Don Orione (nel tratto compreso tra via Follerau e via Turati). La stessa sarà chiusa anche dalle 15.50 alle ore 16.15. Anche su via Raoul Follerau è prevista la chiusura dalle 7.40 alle 9.15 per consentire l’accesso scaglionato e in sicurezza degli alunni della scuola dell'infanzia Rodari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento