menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il muinicipio di Mira (archivio)

Il muinicipio di Mira (archivio)

Sospese le rette del nido comunale a Mira

Le educatrici intanto proseguono il lavoro da remoto, predisponendo attività per le famiglie da svolgere con i figli a casa

A seguito delle restrizioni adottate per contrastare il Covid-19 - tra cui lo stop di tutte le attività didattiche - la giunta comunale di Mira ha deciso di sospendere il pagamento delle rette a carico delle famiglie per il nido cittadino, con decorrenza dal primo marzo scorso e fino al termine dell'emergenza sanitaria.

La struttura, che si articola in tre sezioni e coinvolge 55 bambini da 0 a 3 anni, solitamente protrae la propria attività fino alla metà del mese di luglio, in collaborazione con la cooperativa Socioculturale. «Poiché il servizio è fermo, abbiamo ritenuto opportuno e doveroso sospendere il pagamento delle rette, adottando un’apposita delibera - spiega l'assessore alle Politiche educative Elena Tessari - In questa situazione così complessa, con i piccoli costretti a restare in casa, la nostra decisione vuole essere un segno di vicinanza e di concreto supporto alle famiglie».

L'entità delle rette varia da 200 a 465 euro mensili a seconda delle formule di accoglienza richieste (part time, full time e prolungamento dell'orario) e altre variabili. Mentre il servizio è fermo, le educatrici comunali stanno comunque proseguendo il loro lavoro da remoto, impegnate a predisporre attività ludico-educativo per le famiglie, da svolgere con i figli a casa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento